Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

18 utente(i) online
(1 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Sulle passerelle sfila lingerie ispirata alla moda Anni ’50. Di nuovo in auge pin up e reggicalze -
Ferragosto, Venezia gondole sul Canal Grande
Miss Italia Foto nudo, Alice Bellotto esclusa -
Delirio Rihanna, in 12 mila a Torino
 Le top model più pagate al mondo. 10 milioni di dollari l'anno. Carolyn Murphy
Mi aspetto un cielo senza nuvole, un cuore sincero irreprensibile
Torna la minigonna, donna al potere con la forza delle gambe
Sorrento: La sua fondazione, si deve a coloni greci nel VII sec. a.C.
Le bellezze di Napoli e le province della Campania - Scavi di Pompei
La magrezza è più nuda, più indecente della grassezza

27/9/2021 10:00:00 - Salute e Benessere - Nel 2050 i superbatteri uccideranno più del cancro - 27/9/2021 9:50:00 - Salute e Benessere - Nanofuturo d'oro nella cura dei tumori - 27/9/2021 9:40:00 - Agenzia DN - Notizie in breve - 27/9/2021 9:20:00 - News - Il cervello lavora meglio con la pausa caffe' - 27/9/2021 9:20:00 - Salute e Benessere - Agrumi e diabete tipo 2 -
News : LA BORSA NERA DURANTE LA GUERRA, MOLTE DONNE SI VENDEVANO
Inviato da Gennaro Piccolo il 29/6/2021 8:00:00 (2935 letture)

RagazzaLa seconda guerra mondiale non riguardò soltanto i soldati al fronte ma influì su tutti gli aspetti della vita civile. L’affermazione della borsa nera costituì una delle conseguenze principali della «guerra totale». Le autorità statali delle nazioni belligeranti dovettero intervenire sui meccanismi del libero mercato per tenere a freno i fenomeni speculativi e i tentativi di accaparramento dei beni di prima necessità.





Le autorità statali delle nazioni belligeranti dovettero intervenire sui meccanismi del libero mercato per tenere a freno i fenomeni speculativi e i tentativi di accaparramento dei beni di prima necessità. Operarono pertanto una razionalizzazione delle risorse – alimentari e non – a disposizione delle popolazioni civili, i cui consumi andavano tenuti sotto controllo per non incidere troppo sulle economie nazionali. Anche nel campo dei rifornimenti, dunque, la priorità era costituita dalle esigenze dell’esercito: i civili dovevano ridurre allo stretto indispensabile i loro consumi privati. A tal fine le autorità governative intervennero soprattutto sulla distribuzione dei prodotti alimentari e sui loro prezzi, introducendo la tessera annonaria.



Si trattava di una tessera personale che definiva le quantità di merci e di generi alimentari razionati acquistabili in un determinato lasso di tempo. Dalla capacità delle autorità statali di ridurre i disagi dei civili dipendeva anche la tenuta del «fronte interno», vale a dire il grado di coesione e di speranza nella vittoria finale dei cittadini di un paese.

Fin dai primi mesi di guerra, il regime introdusse il razionamento di alcuni generi alimentari: alla fine del 1940, prima il consumo di grassi e poi quello di carboidrati (pasta, farina, riso, seguiti infine dal granoturco), furono disciplinati, assieme a quello della benzina.

Già nel secondo anno di guerra, mentre sui giornali diventavano sempre più frequenti articoli e comunicati che indicavano in 2 kg a persona la razione settimanale di patate, o precisavano le norme per l’acquisto delle uova, ribadendo il divieto di vendita di dolci e gelati, a Napoli e non solo ,si intensificavano le segnalazioni su contravvenzioni e arresti legati al mercato nero.

Bloccati per legge i prezzi, produttori e commercianti preferivano infatti imboscare i generi di consumo, vendendoli illegalmente ad un prezzo superiore. Generalmente, i principali acquirenti erano esponenti della malavita locale, i quali, tramite il contrabbando, risultavano gli unici capaci di garantire i prodotti richiesti, sia pure a prezzi di molto superiori a quelli ufficiali fissati da un apposito Comitato interministeriale.

Il ricorso al mercato nero è, dunque, un fatto scontato e indispensabile, senonché i prezzi vanno registrando un'impennata vertiginosa. Anche qui, accanto alle disastrose conseguenze di un'economia di guerra di per sé asfittica e sempre più corrosa dalla speculazione, accanto alla rarefazione dei prodotti e alle difficoltà di approvvigionamento dovute al dissesto dei trasporti e al dominio dei cieli da parte dell' aviazione alleata, si aggiunge il peso dell'occupazione germanica.

C'è poco da mangiare: a chi possiede una tessera annonaria, in ottobre, sono stati distribuiti un chilo di patate, 100 gr. di fagioli, 50 gr. di salumi, 80 gr. di carne suina, un decilitro di olio, 200 gr. di burro e 100 gr. di grassi di maiale. Riso e pasta si aggirano attorno al chilo, di carne di manzo neanche parlarne, la verdura è introvabile. Una saponetta da bagno da 100 gr. deve durare due mesi e tra poco sparirà dal mercato. Per chi fuma la razione giornaliera è di tre sigarette.



Ai consumatori dunque non restava altra via che rivolgersi ai «corsari»,molti napoletani si recavano nelle campagne per tentare di accaparrarsi qualche prodotto giacché sul mercato ufficiale, nonostante leggi e sanzioni, anche i prodotti di prima necessità tendevano a scomparire.Per la popolazione, comunque, districarsi tra le numerosissime norme, che regolavano il tesseramento e che coinvolgevano produttori, rivenditori e consumatori, non era facile. Non tutti i negozi potevano vendere le razioni, che per altro venivano distribuite in determinati giorni.

Nell’aprile ’44 si aumentò le razioni di pasta e di pane. La pasta passò da due (se ne mangiava il triplo) a tre chili a testa il mese, il pane salì a 250 grammi, anche se era poco lievitato e quindi pesava di più. In luglio, a un mese dall’inizio della "battaglia di Firenze" le difficoltà dal punto di vista economico erano ormai insuperabili



Per combattere la “borsa nera”, in quell’anno fu emanata infatti una legge che prevedeva fino a tre anni di reclusione per chi avesse venduto alcuni generi di prima necessità, tra cui il pane, a prezzi superiori a quelli stabiliti dall’autorità, ma a nulla valsero queste normative , a dire la verita non solo a Napoli ma in tutta la penisola .Si faceva la fila anche per l'acqua:



Tale stato di cose continua e forse aumenta ancora di piu' quando a Napoli arrivano gli alleati.

I bombardamenti hanno cancellato ogni attività produttiva. Regnano sovrani il contrabbando e la borsa nera ,che trovano ingenti risorse negli abbondanti aiuti americani che arrivano ogni giorno al porto in gran quantità. Charles Poletti, americano, responsabile del Governo militare di Napoli, parla de “i mille misteri di Napoli” e si rende benissimo conto della situazione di illegalità che si è creata, ma lascia fare perché “almeno così la gente mangia.Dalla tolleranza si passa ad una situazione di illegalità diffusa che continuera' anche nel dopoguerra



FORCELLA DIVENTA UNA CASBAH



A trasformare Forcella, pacifica strada della vecchia Napoli, in un’autentica Casbah, furono gli angloamericani nel dopoguerra, contribuendo tuttavia, a salvare la città dalla fame.

Napoli, dopo aver subito cento bombardamenti era in ginocchio, in questo clima di disperazione e fame avvenne l’incontro tra i militari americani e gli scugnizzi, molte ragazze si innamorarono degli americani così eleganti e romantici, tante andarono a vivere negli Stati Uniti, molte altre rimasero a Napoli magari un po’ più ricche e spesso << ca ‘ a panza annanz’>> (incinte). Il contrabbando delle sigarette diventò man mano un vero e proprio mestiere: lungo le strade le donne le vendevano sui panchetti. In effetti a Napoli mangiavano un po’ tutti col contrabbando. Da Forcella alla Sanità, da Soccavo al Pallonetto di Santa Lucia, ci si "arrangiava" cosi'.




 




 




Altre news
27/9/2021 10:00:00 - Nel 2050 i superbatteri uccideranno più del cancro
27/9/2021 9:50:00 - Nanofuturo d'oro nella cura dei tumori
27/9/2021 9:40:00 - Notizie in breve
27/9/2021 9:20:00 - Il cervello lavora meglio con la pausa caffe'
27/9/2021 9:20:00 - Agrumi e diabete tipo 2
27/9/2021 9:10:00 - IL VOLTO DI GESU'
27/9/2021 9:00:00 - Antologia pensieri: Quando il saggio indica la luna l'imbecille osserva il dito
27/9/2021 8:50:00 - IN BREVE: Frutta e verdura, anti-infiammatori, possono allungare la vita e di molto - Vaccino eptatie C ideato da italiani - Usa, tastiera pc si autodisinfetta
27/9/2021 8:40:00 - Proprietà fitoterapiche del Biancospino
27/9/2021 8:30:00 - La Morte
27/9/2021 8:20:00 - Ricostruito il genoma dell'uomo di Neandertal - Gli esperti hanno anche isolato dal Dna delle 5 persone
27/9/2021 8:10:00 - Cos'è il tumore al polmone - In aumento tra le donne - Chi è a rischio - Prevenzione
27/9/2021 8:10:00 - DESIDERIO - COMPLESSO - PSICOANALISI - ORGANO - FUNZIONALE
25/9/2021 10:10:00 - Non è mai troppo tardi per cominciare a cambiare le cose...
25/9/2021 10:00:00 - Come combattere l'insonnia
25/9/2021 9:50:00 - Malattie della tiroide sintomi: 1 italiano su 5 non le conosce
25/9/2021 9:40:00 - Fobie: sintomi e cura
25/9/2021 9:30:00 - La dieta italiana è una versione scientifica della dieta mediterranea.
25/9/2021 9:20:00 - La depressione bipolare è un disturbo dell'umore caratterizzato da un alternarsi di fasi di profonda depressione
25/9/2021 9:10:00 - LE LEGGI FONDAMENTALI DELLA STUPIDITA’ UMANA
25/9/2021 9:10:00 - Selenio e vitamina E non bastano
25/9/2021 9:00:00 - IL DISTURBO DI PERSONALITÀ EVITANTE: IL PESO DELLO SGUARDO DELL'ALTRO
25/9/2021 8:50:00 - Medicina psicosomatica
25/9/2021 8:40:00 - Perché s'ingrassa? Quando s'incamerano più calorie di quante se ne bruciano
25/9/2021 8:40:00 - Anisakis è un genere di nematodi parassiti di diversi animali marini



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

«Sono una stripper da diversi anni. Prendo parte a 4 o 6 feste al mese. Ne ho viste di cose strane: quando i ragazzi bevono e sono eccitati, perdono il controllo e fanno cose che il giorno dopo non ricorderanno o preferirebbero non ricordare. Ecco perché negli addii al celibato vige il codice non scritto del silenzio. In genere l’organizzatore della festa è il migliore amico dello sposo. Richiedono solitamente due spogliarelliste, motivo per cui io mi accompagno a un’amica. La prima cosa che faccio appena arrivata è andare in bagno, in modo da dare il tempo al tipo di sciogliersi bevendo una birra con i ragazzi, che gli spiegano le regole del gioco. Ossia: vietato toccare; non si chiamano le ragazze “puttane”; nessuno chiede favori sessuali; nessuno rovescia nulla sulle signore. Se è tutto chiaro si inizia a giocare.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso