Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

4 utente(i) online
(1 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Jennifer Lopez
Mondiali Shangai, la squadra russa di nuoto sincronizzato -
L'occhio non vede cose ma figure di cose che significano altre cose
Sono nato senza volerlo, morirò senza volerlo, fatemi vivere come voglio !
Donne biricchine
Italia-Inghilterra: Azzurri, batteteli ancora
Una statistica sull'infedeltà ha rivelato che il 74% degli uomini tradisce, le donne sono a 90%
HOTEL SAMMARTINO - Agnone - IS - Storiche
Foto storiche a Napoli
Foto storiche
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > MISTERI NASCOSTI > Vivere sotto una campana di vetro - Come tutti sanno nell'educare un figlio non si può dire sempre di si
Vivere sotto una campana di vetro - Come tutti sanno nell'educare un figlio non si può dire sempre di si
Articolo di Lucia Fiorello pubblicato il 15/4/2011 (1314 Letture)
cupidonVivere sotto una campana di vetro. Succede quando i genitori limitano i propri figli con l'intento di proteggerli. Ma non sempre è positivo, specie per chi subisce. Come uscirne? Cosa vuol dire vivere "sotto una campana di vetro"? L'espressione di per sè rende molto l'idea. Stare sotto una campana di vetro vuol dire essere chiusi in un recinto e vedere la vita che ci scorre intorno ma non potervi prendere parte, per una sorta di reclusione.


campana_vetro_1Un altro modo di dire molto simile è vivere "nella bambagia", che è però un po' differente. Vivere nella bambagia vuol dire avere tutte le comodità a disposizione, essere viziati e iperprotetti, non dover affrontare mai alcun problema perchè c'è sempre chi lo risolve per noi. Se proprio vogliamo individuare la differenza, vivere sotto una campana di vetro è un po' peggio, perchè ci viene tolta una cosa fondamentale: la libertà.



In genere la famigerata campana di vetro viene imposta da parte di genitori verso i propri figli. E' fatta di limiti e proibizioni di vario genere: avere orari ferrei di rientro o addirittura non poter uscire, dover andare a letto entro un certo orario, non poter uscire in macchina o in motorino, non frequentare certe amiche che non piacciono alla mamma, non poter dormire con il fidanzato, non avere autonomia di scelta in molte cose come ad esempio frequentare una facoltà universitaria piuttosto che un'altra...fino alle cose più banali come dover mangiare tutto quel che c'è per cena o non potersi vestire come si preferisce.



E gli esempi di proibizioni parentali sono ancora numerosi. Si tratta di una maniera di relazionarsi che moltissimi figli vivono con una vera e propria sofferenza che avvelena le loro vite. Questo perchè si sentono privati di una cosa preziosissima per qualsiasi persona: la libertà. Non possono gestire la loro vita, non possono fare quel che vogliono, anche se si tratta di cose assolutamente innocenti. Ciò li porta come già detto a soffrire o a fare ugualmente ciò che viene proibito, ma creandosi una vita parallela tenuta in piedi da continue bugie.



Sia ben chiaro: non che questo fenomeno si spieghi con il fatto che i genitori in questione sono aguzzini senza scrupoli che desiderano consciamente la sofferenza per i proprio figli. Sono tanti e a volte comprensibili i motivi che portano alcune persone a comportarsi in questo modo. Magari l'aver subito un'educazione simile, una mentalità all'antica dovuta all'età, la distanza generazionale, l'apprensività e l'iperprotettività. Paradossalmente, se si tiene un figlio sotto una campana di vetro, si pensa di farlo solo per il suo bene.



donna0



Come tutti sanno nell'educare un figlio non si può dire sempre di si. Proibire qualcosa, stabilire regole e limiti è assolutamente necessario. E i bisticci tra genitori e figli sono inevitabili. La situazione in genere comincia a diventare malsana quando le richieste dei genitori cominciano a diventare palesemente irrazionali e inutili. Esempio: se può avere un senso stabilire orari di rientro a 15 anni, questi cominciano a risultare decisamente insensati se non ridicoli una volta superati i venti anni! Purtroppo per i genitori i figli sono sempre un po' bambini che vanno protetti, anche quando stanno per diventare completamente adulti. Si crede di poter ancora influire sulla loro vita, ovviamente per il loro bene. Magari non li si accetta per come sono, e si continua a tentare di cambiarli. In realtà da un certo punto in poi le proibizioni non hanno più alcuna finalità educativa, ma diventano unicamente una forma di costrizione gratuita, insensata e soprattutto inutile se non dannosa.



Le conseguenzecampana_vetro_2

Per i genitori molto rigidi in genere è davvero difficile rendersi conto di quel che stanno facendo ai loro figli: spesso si è davvero convinti di star facendo la cosa migliore.

Chi ha vissuto sotto una campana di vetro, una volta cresciuto può avere diverse reazioni. Il fatto di esser stato "preservato" dai pericoli può rendere paradossalmente più vulnerabili: tutti sappiamo che per crescere bisogna farsi le proprie esperienze da soli. Relazionarsi e soprattutto tenere testa agli altri nella vita sociale e lavorativa può diventare difficile, perchè si è abituati ad obbedire e abbassare la testa. C'è chi si ritrova con una scarsissima vita sociale perchè non potendo uscire non ha potuto portare avanti le amicizie. Oppure si può diventare più forti e scaltri di chi invece in famiglia ha avuto vita facile e non ha avuto ostacoli contro cui lottare quotidianamente. 

E ancora, c'è chi per reazione opposta appena ha un po' di libertà, o appena se la procura tramite le bugie, si getta negli eccessi come droga e alcool per puro sfogo, dimostrando che le proibizioni dei genitori sono state assolutamente inutili. C'è chi se ne infischia dei divieti, ma riesce a farlo solo costruendosi faticosamente un'immagine di cartapesta agli occhi dei genitori raccontando bugie che considera necessarie seppur dolorose. C'è addirittura chi si rende conto che l'unico modo per fuggire all'oppressione è andar via di casa, e magari rinunciare a certe ambizioni per trovare un lavoro e diventare indipendente il prima possibile, perchè conquistare la libertà che non si è mai avuta diventa l'obiettivo più importante della vita.

Insomma, da parte dei figli c'è quasi sempre una forte reazione, che sia di ribellione, di fuga, o di semplice sofferenza magari neanche esternata.



Esiste un modo per risolvere questa situazione?

Quando la campana di vetro diventa palesemente inutile e dannosa bisogna avere la maturità di rendersene conto e di cercare di farlo capire ai propri genitori. Prima di tutto bisogna cercare di comunicare: far capire ai genitori che il loro comportamento non dà risultati e dimostrare loro di esser diventati persone responsabili, che non hanno bisogno di proibizioni per non correre pericoli, perchè sanno da sè quali sono i propri limiti.



Questo non è sempre facile. Qualche volta ci si trova davanti un vero e proprio muro. Ma tentare non nuoce: mai abbandonarsi al rancore cieco senza aver fatto almeno dei tentativi.



Se non si ha alcun riscontro, mai desistere. La cosa più sbagliata è arrendersi e annullare se stessi. Se i vostri genitori non vi accettano e/o non vi lasciano liberi non vuol dire che siete necessariamente delle cattive persone. Anche se siete figli, siete comunque delle persone, con un proprio carattere e delle proprie inclinazioni che non possono essere represse, specie se non siete più bambini. Quindi il comportamento ideale, oltre a cercare sempre la comunicazione e la comprensione, è cercare di rendersi indipendenti il prima possibile, guadagnandosi di fatto la propria libertà a partire dall'aspetto materiale. Solo così i genitori potranno rendersi conto che siamo persone adulte e alla pari con loro, che non hanno bisogno di alcun recinto. Anche se è faticoso, dalla campana di vetro si può uscire!



 



 


Naviga negli articoli
Precedente articolo Succede a tantissime donne: si prende la patente e poi la si chiude in un cassetto. Il terrore di guidare, definito amaxofobia, può dipendere da molti fattori Latte artificiale - La scelta del latte artificiale spetta sempre ed esclusivamente al pediatra prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

Verginità e prima volta: cosa ne pensa lui?Se verginità e prima volta per noi ragazze sono argomenti di fondamentale e importanza, non sempre per lui è così. Brenn ci spiega cosa si muove nel cervello degli uomini in proposito. Questo approccio diverso è alla base dell’incomunicabilità quando nella coppia uno dei due è vergine, soprattutto se ad esserlo è la donna e l’altro non la capisce: proprio perché si hanno due modi diversi per affrontarla.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Toto - Truffa i fessi
(Wed, 12-Oct-2011)
Toto - Truffa i fessi
BALLO DI GRUPPO (CICO CICO) G...
(Fri, 28-Mar-2014)
BALLO DI GRUPPO (CICO CICO) G...
Paolo Villaggio: Leghisti non...
(Wed, 05-Dec-2018)
Paolo Villaggio: Leghisti non...
En chella peru [HD] -
(Thu, 21-Jul-2011)
En chella peru [HD] -
Le tre colonne sonore più bel...
(Wed, 05-Nov-2008)
Le tre colonne sonore più bel...
Мира&...
(Thu, 14-Oct-2010)
Мира&...
Cannoli Siciliani
(Tue, 29-Jul-2008)
Cannoli Siciliani
Faccetta Nera (Carlo Buti)
(Mon, 16-Nov-2009)
Faccetta Nera (Carlo Buti)
Tarantella Napoletana
(Wed, 24-May-2017)
Tarantella Napoletana
Mamma Picchia Bambino
(Fri, 18-Apr-2014)
Mamma Picchia Bambino