Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

16 utente(i) online
(3 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Ci sono cose peggiori della morte, essere abbandonato dai figli -
HOTEL SAMMARTINO - Ristorante Hator - AGNONE - IS - E' stupendo si mangia bene, Flora
PARIGI: FIERA DELL'INTIMO con le curve delle CICCIONE -
A Rio il red carpet per calendario Pirelli 2013
In mostra a Tokyo l'odissea dell'umanita'. Una miniatura di una famiglia di Australopithecus
Lussuria: desiderio disordinato del piacere sessuale
Gli artisti usano le bugie per dire la verità mentre i politici per coprire la verità
Nessuno conosce le proprie possibilita’ finche’ non le mette alla prova
Il coraggio è la capacità di resistere alla paura, di dominare la paura: non è l'assenza di paura
L'invidia è il sentimento dei falliti
Salute e Benessere : Litigio con il partner? Ecco a chi fa bene dormirci sopra - Smentiti gli studi meno recenti: le statine possono avere effetti positivi sull’alzheimer
Inviato da Lucia Fiorello il 3/3/2019 9:00:00 (1185 letture)

gifcadenteCanada: gli studi più recenti in materia di Alzheimer e per molti versi appaiono sorprendenti, non solo perché smentiscono i risultati che negli anni venivano dati per acquisiti, ma anche perché farmaci ed integratori di utilizzo diffuso sembrerebbero risultare efficaci anche nella prevenzione dell’alzheimer. - Clicca e scopri il significato del termine: Il livello di attività di un area cerebrale è predittivo della capacità di risvegliarsi il giorno dopo con un rimbalzo positivo dell'umore o di una elevata resilienza emotivaIl livello di attività di un'area cerebrale è predittivo della capacità di risvegliarsi il giorno dopo con un rimbalzo positivo dell'umore o di una elevata resilienza emotiva.




 


Smentiti gli studi meno recenti: le statine possono avere effetti positivi sull’alzheimer





Giungono da
Pensioni: sciopero anticipato al 13 aprilel Canada gli studi più recenti in materia di Alzheimer e per molti versi appaiono sorprendenti, non solo perché smentiscono i risultati che negli anni venivano dati per acquisiti, ma anche perché farmaci ed integratori di utilizzo diffuso sembrerebbero risultare efficaci anche nella prevenzione dell’alzheimer. 

In particolare è emerso che chi assume statine corre un rischio ridotto di sviluppare la malattia di Alzheimer  e quindi tali farmaci, ampiamente prescritti per abbassare i livelli di colesterolo in persone sofferenti di patologie cardiovascolari o a rischio di incorrervi,  avrebbero un doppio impatto positivo. 

Lo studio ha riguardato i cervelli di 110 persone di età compresa fra i 65 e i 79 anni di cui sono stati prelevati i campioni, successivamente pesati e valutati in relazione a numerose variabili, fra cui età al decesso, sesso, eventuali ictus, ecc….

i ricercatori hanno notato, così,  che nei cervelli delle persone che avevano ricevuto una terapia a base di statine erano presenti una quantità di fibrille di proteine tau nettamente inferiore rispetto agli altri. Il deposito nel cervello di fibrille di proteina tau e di placche di proteina beta amiloide sono i segni caratteristici della malattia di Alzheimer che dunque risultavano meno evidenti all’interno del cervello di quanti avessero assunto statine nel corso della propria vita. 

Lo studio della McGill University, pubblicato sul Journal of Neuroscience  ha inoltre confermato che  "le persone affette da Alzheimer sono diverse – come affermato da Gail LI, uno degli autori della ricerca-. È probabile che le statine aiutino a prevenire la malattia più in alcuni soggetti che in altri. Forse un giorno saremo in grado di dire con più precisione chi può beneficiare di quale tipo di statina per prevenire i cambiamenti prodotti dalla malattia." Ora si tratta di capire, conclude  Hamel  “in che modo trasportare questi soddisfacenti risultati dal laboratorio alla terapia per i pazienti.” Di modo che da “tale ricerca possa partire l'impulso a promuovere urgenti ricerche per aumentare la diagnosi precoce e aiutare le persone con demenza a ottenere di più dai trattamenti”.



 






 




Se si va a letto dopo un litigio con il partner, il fatto di risvegliarsi ancora arrabbiati o meno dipende dal livello di attività di un'area cerebrale caratteristica della persona.
Le persone che in genere mostrano una maggiore attività nella corteccia prefrontale laterale sono molto meno propense a risvegliarsi ancora mal disposte verso il partner il mattino seguente, mentre chi ha un livello di attività più ridotto mostra una maggiore "resilienza" emotiva. Lo ha appurato una ricerca condotta da neuropsicologi dell'Università di Harvard e dell'Università della California a Berkeley, che firmano un articolo sulla rivista Biological Psychiatry.
"Ciò che abbiamo trovato, come ci si poteva aspettare, è che tutti si sentono peggio nel corso della giornata in cui hanno avuto un conflitto con il partner. Ma il giorno successivo le persone che hanno una elevata attività prefrontale laterale si sentono meglio, mentre quelli che l'hanno più bassa continuano a sentirsi male", ha detto Christine Hooker, prima firmataria del'articolo.
Ciò suggerisce, continuano i ricercatori, che il miglioramento della funzionalità della corteccia prefrontale laterale può influenzare positivamente sul breve termine l'umore da un giorno all'altro e, sul lungo termine, rendere meno vulnerabili allo sviluppo di disturbi dell'umore.
Studi precedenti condotti su animali di laboratorio avevano mostrato che la corteccia prefrontale laterale è associata alla regolazione delle emozioni, ma finora non si era mai dimostrato che gli effetti della sua attività sono connessi al vissuto quotidiano.
"Il fattore chiave è che l'attività cerebrale registrata dalla risonanza magnetica funzionale è predittiva del vissuto del giorno dopo. Gli scienziati ritengono che ciò che osserviamo in queste scansioni cerebrali siano rilevanti per la nostra vita quotidiana, ma ovviamente non viviamo le nostre vite all'interno di uno scanner. Ma se potessimo mettere in collegamento ciò che vediamo in queste scansioni alla capacità di regolazione delle emozioni nella vita quotidiana, potremmo aiutare gli psicologi a prevedere come le persone risponderanno agli eventi stressanti delle loro vite"
Anche se, come sottolinea la Hooker è necessario ancora molto lavoro per sviluppare eventuali applicazioni cliniche della ricerca, i livelli di attività della corteccia prefrontale laterale potrebbero già fornire indicazioni sul rischio che una persona ha di incorrere in disturbi dell'umore in risposta a fattori stressanti.



 




Altre news
1/5/2019 13:00:00 - Ciliegie: calorie, proprietà e benefici per la salute
1/5/2019 8:10:00 - IL SANTO DEL GIORNO: MESE DI MAGGIO
1/5/2019 8:00:00 - La ciliegia (cerasa, in molti dialetti italiani) è il frutto del ciliegio
1/5/2019 7:30:00 - Le ciliegie e la dieta, sono ricche di potassio, un sale minerale che fa bene ai muscoli perché contrasta i cali di energia e la stanchezza psicofisica
27/4/2019 9:10:00 - Vivremo sempre più a lungo - I cibi che possono fermare il tempo - Quali controlli medici, per vivere a lungo
27/4/2019 9:00:00 - Liti genitori fanno male cervello bebe' - Chiusura forame ovale meglio di farmaci - Ragazzi ossessionati da immagine corpo - Pressione alta per 15 mln italiani
27/4/2019 8:50:00 - Parkinson: si può prevedere 10 anni prima. Ecco i sintomi
27/4/2019 8:40:00 - La corsa: consumi energetici
27/4/2019 8:30:00 - Zucchero o dolcificante? - Davvero eliminare lo zucchero dalla dieta di ogni giorno può aiutare a perdere qualche odiatissimo kg in più?
27/4/2019 8:20:00 - IL SONNO: Dormire e riposare sono condizioni essenziali per una buona qualità della vita
27/4/2019 8:10:00 - Melone Amaro: Proprietà e Benefici
27/4/2019 8:00:00 - Farmaco anti-tumorale cancella (nei topi) i sintomi dell'Alzheimer
27/4/2019 7:50:00 - Trent'anni fa il primo computer portatile, pesava 11 chili - Osborne 1 (1981)
27/4/2019 7:50:00 - Il fondatore di Facebook, Zuckerberg e' fra i più ricchi al mondo - Economist, con 28,4% social network sua fortuna 28,4 mld
27/4/2019 7:50:00 - Inno alla Vita - Madre Teresa di Calcutta
27/4/2019 7:40:00 - Quando si parla di denti, tutti sappiamo o dovremmo sapere che la prevenzione è fondamentale
21/4/2019 8:40:00 - Quanto guadagnano gli amministratori e deputati regionali AL MESE?
21/4/2019 8:30:00 - Santo; Per la fede cattolica, "Santo" è colui che sull'esempio di Gesù Cristo, animato dall'amore, vive e muore in grazia di Dio
21/4/2019 8:20:00 - La Pasqua - Significato, simboli e tradizione
21/4/2019 8:10:00 - Colomba pasquale
21/4/2019 8:00:00 - Uovo di Pasqua
21/4/2019 7:50:00 - Compagno, che stress ... Tra mogli e mariti c'è una sostanziale differenza: il 18 per cento delle donne contro il 12 per cento degli uomini hanno detto che i partner aggiungono un carico grosso di stress nella loro vita
21/4/2019 7:40:00 - Dentista low cost in Asl e ospedali - Ecco dove si risparmia
21/4/2019 7:40:00 - 10 luoghi comuni sugli uomini
21/4/2019 7:30:00 - Odore vaginale - Vaginosi batterica - Candidosi: cause - Herpes genitale



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

gif333In Francia, tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento si sviluppò una corrente antro-psico-sociologica dedicata al tema del "suicidio altruistico", cioè di quella forma estrema di sacrificio di sé in vista di un bene supremo (coincidente in genere con un ideale religioso o politico). Capostipite di tale corrente fu Émile Durkheim (1858–1917), che si rifiutò d'interpretare il fenomeno del suicidio come effetto di un mero disordine mentale individuale, spesso conseguente, a sua volta, di determinate tare ereditarie.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Lucio Battisti - Acqua azzurr...
(Thu, 03-Jul-2008)
Lucio Battisti - Acqua azzurr...
Je te vurria vasa' - Mango
(Wed, 15-Jun-2016)
Je te vurria vasa' - Mango
Roberto Saviano - intervista ...
(Tue, 04-Aug-2009)
Roberto Saviano - intervista ...
Il pulcino Pio
(Sat, 16-Feb-2013)
Il pulcino Pio
Tango - Roxanne
(Sat, 19-Dec-2015)
Tango - Roxanne
Parte 2/10 Ragione, scienza e...
(Mon, 29-Jun-2009)
Parte 2/10 Ragione, scienza e...
ABBA - Waterloo - Australia, ...
(Thu, 14-Aug-2008)
ABBA - Waterloo - Australia, ...
Giovanni Falcone contro Craxi...
(Mon, 25-Aug-2008)
Giovanni Falcone contro Craxi...
Incidenti acquatici
(Sun, 15-Feb-2009)
Incidenti acquatici
SOMETHING STUPID - Robbie Wil...
(Sat, 03-Dec-2011)
SOMETHING STUPID - Robbie Wil...