Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

11 utente(i) online
(1 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Sfilata Alex Perry alla settimana della moda di Sydney -
Foto di nudo, esclusa da Miss Italia la veneta Alice Bellotto -
Sali fin dove arrivi... sorridendo sempre
L'amore per l'arte dell' 800
Foto storiche
Foto storiche
Usa, gira un video porno in biblioteca e viene arrestata
Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte della gente esiste, ecco tutto
Nessun uomo può essere amico di una donna che trova attraente: vuole sempre portarsela a letto
Non si può separare la pace dalla libertà perché chi non è libero non può essere in pace
Salute e Benessere : Indicazioni sul Disturbo Paranoide di Personalita'
Inviato da Pina Corcione il 14/9/2019 9:10:00 (2435 letture)

gifmanoIl disturbo paranoide di personalità è un disturbo di personalità caratterizzato dalla tendenza, persistente ed ingiustificata, a percepire e interpretare le intenzioni, le parole e le azioni degli altri come malevole, umilianti o minacciose.




gifgattoIl mondo è vissuto come ostile e guardato sempre, nei contesti più vari, con diffidenza e sospettosità, con conseguente predilezione per uno stile di vita solitario.

Sfiducia e sospettosità portano le persone che soffrono di questo disturbo ad avere un atteggiamento ipervigilante (ricercano segnali di minaccia, di falsità e di significati sottostanti nelle parole e nelle azioni altrui), ad agire in modo cauto e guardingo, ad apparire “fredde” e prive di sentimenti; questi soggetti sono, inoltre, eccessivamente permalosi, polemici, ostinati e sempre pronti a contrattaccare quando credono di essere criticati o maltrattati.

La sensazione prevalente, praticamente costante, nelle persone che presentano il disturbo paranoide, è quella di minaccia, pericolo, aggressione. Ne conseguono uno stato di allerta e di tensione fisica molto forti. Tipicamente le persone con disturbo paranoie, infatti, presentano pensieri del tipo: “Non si può mai abbassare la guardia!”, “Appena ti rilassi sono pronti a fregarti!”. A volte la sensazione interna assume una diversa sfumatura, quella della derisione, e gli altri, più che pericolosi, sono percepiti come sprezzanti o provocatori.

La reazione emotiva e, quindi, il conseguente comportamento variano:





  • quando la convinzione è di essere, ingiustamente, vittime di un mondo ostile e umiliante prevarranno rabbia, risentimento o irritazione e la tendenza sarà quella di reagire attaccando e aggredendo;

  • quando, invece, la sensazione che si vive è quella dolorosa di essere escluso, in quanto non voluto, di essere emarginato dal gruppo, prevarranno ansia, tristezza, senso di solitudine e astenia, con la conseguente tendenza ad isolarsi, a ritirarsi dal mondo.




Gli individui con questo disturbo possono essere anche morbosamente gelosi e sospettare, senza reali motivi, che il coniuge o il partner sia infedele. Questi soggetti presentano, inoltre, due importanti difficoltà che si rinforzano reciprocamente. La prima è rappresentata dall’incapacità di porsi nella prospettiva dell’altro, di distinguere il proprio punto di vista da quello altrui; l’altra è la difficoltà a distinguere tra mondo esterno (realtà obiettiva) e mondo interiore (proprie sensazioni e idee).

La sensazione pervasiva di minaccia, ad esempio, non viene mai considerata come un vissuto soggettivo, una fantasia o un’ipotesi, ma come un dato di realtà assoluto e certo. Spesso le persone con questo disturbo sentono di non avere capacità sufficienti per gestire determinate situazioni e provano quindi un senso di costrizione da parte del mondo esterno rispetto alle loro scelte.




Le indicazioni per capire se si soffre di disturbo paranoide di personalità
Innanzitutto chi soffre di questa malattia, difficilmente si rende conto di aver bisogno di un aiuto terapeutico. Per lui, sono gli altri la vera causa dei suoi problemi. Spesso è il partner esasperato che obbliga la persona ad andare da uno psichiatra. Infatti la sfiducia che nutre il malato si estende anche a chi lo può curare. Il fatto che un soggetto con disturbo paranoide si rivolga spontaneamente ad un terapeuta per chiedere cura è già di per sé un indizio prognostico favorevole che fa deporre per un disturbo non eccessivamente grave e quindi plausibilmente accessibile alle cure.
Le indicazioni per individuare il disturbo sono il possedere quattro o più delle seguenti caratteristiche:



  • Il sospetto sempre di essere sfruttato, danneggiato o ingannato.

  • Il dubbio senza motivi fondati della lealtà di amici e colleghi.

  • Il temere di confidarsi con gli altri per la paura che le informazioni possano essere usate contro di lui.

  • Lo scorgere significati nascosti umilianti o minacciosi in banali osservazioni.

  • Il portare rancore a lungo e non perdonare assolutamente insulti e offese.

  • Il reagire con scatti di rabbia a quelli che considera attacchi alla propria reputazione.

  • Il sospettare quasi sempre della fedeltà e sincerità del coniuge.







Quindi chi soffre di questo disturbo è, o spesso gli dicono di essere, eccessivamente permaloso o geloso e soprattutto sempre sospettoso, sul “chi va là”. Gli altri non ispirano quasi mai fiducia.




La persona con disturbo paranoide, infatti, pensa che c’è sempre “sotto c’è una fregatura” e si aspetta di essere in qualche modo danneggiato, sfruttato o umiliato. In genere preferisce limitare i contatti con gli altri e tende ad isolarsi e a condurre, anche se con sofferenza, uno stile di vita solitario. Può alternare dei periodi in cui prevale l’ansia e la tensione, a periodi più rabbiosi e rancorosi o anche stati di depressione e abbattimento; quello che è certo è che non conduce una vita serena, ma prevale comunque uno stato di sofferenza ed una difficoltà a “vivere bene nel mondo, con gli altri”.
Alcuni di questi sintomi, tuttavia, si possono ritrovare anche in altre patologie, è quindi in genere necessario rivolgersi a persone competenti che possano fare una diagnosi seria ed accurata. Alcuni esempi: spesso nel disturbo paranoide troviamo sintomi ansiosi e/o depressivi che potrebbero farci pensare a disturbi d’ansia o a un disturbo dell’umore (disturbo bipolare e depressione); l’eccessiva sospettosità caratterizza, inoltre, anche il disturbo borderline di personalità e le idee di riferimento caratterizzano anche i disturbi deliranti e la schizofrenia; il ritiro sociale, infine, è presente sempre nel disturbo schizoide. Nel tempo questo disturbo può causare problemi lavorativi, coniugali, relazionali e, in alcuni casi, può portare ad un isolamento che peggiora e rinforza il disturbo stesso.

Il trattamento

 Come già accennato in genere le persone che soffrono di questo disturbo non cercano spontaneamente aiuto, ma sono spesso i parenti ad insistere per diverse motivazioni, tra le quali più frequentemente uno stato depressivo del soggetto, un suo progressivo isolamento sociale o problemi relativi a comportamenti rabbiosi e aggressivi.

La psicoterapia cognitiva individuale, di matrice post-razionalista, è attualmente da considerarsi il trattamento d’elezione per i numerosi dati ottenuti dalla ricerca sul campo che ne confermano la validità.

Nell’ambito di questo orientamento clinico la strategia d’intervento per il disturbo paranoide di personalità è volta ad individuare non solo i comportamenti disfunzionali, ma anche il tessuto di cognizioni, gli aspetti affettivi e le strategie che caratterizzano il disturbo; in altre parole, il paziente è allenato a riconoscere e identificare quali emozioni prova, come pensa, agisce e fronteggia i problemi.

 L’obiettivo finale è quello di migliorare la qualità di vita della persona, rispettando le sue esigenze e le sue priorità. Per raggiungere tale obiettivo è indispensabile creare, fin dalle prime sedute, le condizioni per stabilire un buon rapporto terapeutico; il terapeuta eviterà, infatti, il coinvolgimento in dinamiche relazionali patologiche, accordandosi sugli scopi e gli obiettivi del lavoro terapeutico.

 Più specificatamente il trattamento si basa, in un primo momento, sul riconoscimento degli stati d’animo che sono tipici dalla persona con questo disturbo; in altre parole si aiuta il paziente a riconoscere, ad esempio, lo stato di minaccia, pericolo o derisione, a cui seguono emozioni quali ansia, tensione, rabbia, oppure lo stato in cui sente di essere stato escluso dagli altri, a cui, invece, seguono tristezza ed isolamento.

 Grazie alla presa di consapevolezza e alla maggiore conoscenza di questi e altri stati d’animo è possibile, in un secondo momento, lavorare per migliorare le due importanti difficoltà che tipicamente presentano i soggetti con questo disturbo: l’incapacità di porsi nella prospettiva dell’altro e la difficoltà di distinguere tra mondo esterno e mondo interiore. Questo è uno degli aspetti più importanti del trattamento ed è fondamentale per regolare lo stato interno del soggetto e le sue relazioni.

Per insegnargli a porsi nella prospettiva dell’altro, ad esempio, si guida la persona ad “osservare i processi mentali” del terapeuta; quest’ultimo, infatti, illustra ed esplicita al paziente cosa pensa in un dato momento, come arriva a determinate conclusioni e quali elementi prende in considerazione per formarsi delle convinzioni. Il terapeuta, inoltre, mostra in vivo quanto questa difficoltà occupa la mente del soggetto e quanto gli condiziona la vita e le relazioni.

Un’ulteriore parte del trattamento, infine, è costituito dalla messa in discussione delle interpretazioni disfunzionali del paziente riguardo al comportamento e alle intenzioni degli altri, attraverso la formulazione di ipotesi alternative alle sue convinzioni. In altre parole il paziente viene allenato a fornire nuove interpretazioni delle situazioni, dei comportamenti e dei pensieri degli altri. Questo permette al soggetto di migliorare le sue difficoltà ed acquistare nuovi strumenti per verificare l’attendibilità delle sue interpretazioni e ipotesi.

 La psicoterapia, dunque, non solo mirerà a costruire delle strategie utili e adeguate per affrontare e gestire gli stati interni e le difficoltà di cui abbiamo parlato, ma permetterà al paziente di migliorare funzionamento sociale e relazionali interpersonali. La terapia farmacologia non è bene che sostituisca un trattamento terapeutico, ma tutt’alpiù in affiancamento, poiché anch’essa può venir vista con sospettosità e di conseguenza difficilmente viene seguita dai pazienti.



 



 




Altre news
1/6/2020 9:40:00 - Frutta tipica di giugno
1/6/2020 8:00:00 - Sedere a prova di hotpants. Trucchi e segreti per ottenere glutei marmorei in fretta. Un miraggio? No, un'impresa fattibilissima
28/5/2020 9:30:00 - Ridi che ti passa
26/5/2020 9:00:00 - I 5 virus più contaggiosi al mondo
26/5/2020 8:50:00 - Cervello: ecco la proteina che cancella il suo block notes - Piu' intuito se non si e' concentrati - Siamo'popolo sfasati', e''jetlag sociale'
26/5/2020 8:40:00 - Edulcoranti: In un primo tempo gli edulcoranti sono stati autorizzati in Italia solo nei prodotti dietetici
26/5/2020 8:30:00 - SINUSITE: Consiste nell'infiammazione della mucosa di uno o più seni paranasali
26/5/2020 8:20:00 - SOPRA I 70 BATTITI CUORE PIU' A RISCHIO
26/5/2020 8:10:00 - Il dado da brodo nella dieta: sì o no?
26/5/2020 8:00:00 - Joseph Smith fondatore dei Mormoni
26/5/2020 7:40:00 - La felicità si trova nella leggerezza delle piccole cose, l'odore del caffé al risveglio che s’intreccia con quello del pane, la carezza di uno sguardo
26/5/2020 7:40:00 - Come lo fanno strano: gli usi sessuali più bizzarri
26/5/2020 7:40:00 - Amori promiscui, amori di gruppo
26/5/2020 7:30:00 - Le difficoltà della coppia in crisi e i motivi più frequenti - Le caratteristiche della coppia sana
26/5/2020 7:30:00 - Perché non facciamo più l'amore - Sono tanti gli uomini che si lamentano, così come le donne
26/5/2020 7:30:00 - A chi conviene rivolgersi per contestare una multa?
26/5/2020 7:30:00 - L’Aulin è tossico, ma l’Italia continua a venderlo
26/5/2020 7:20:00 - Il contratto preliminare per l’acquisto casa
26/5/2020 7:10:00 - Smetti di recitare il piacere - Continuare a fingere fa male a voi quanto a lui
26/5/2020 7:10:00 - DISFUNZIONE ERETTILE: Descrizione - Struttura del pene - Meccanismo dell’erezione - Cause
26/5/2020 7:10:00 - Sport acquatici, il surf per mantenersi in forma. Tavole leggere che permettono acrobazie anche ai meno esperti
26/5/2020 7:00:00 - I 10 record sessuali più strani al mondo
26/5/2020 6:50:00 - Se vuoi collaborare con Dimensione Notizia (Giornalista o Agente) invia il tuo curriculum a : gspc96@gmail.com
21/5/2020 9:40:00 - L’amaro volto dell’aspartame - E' stato documentato l’incremento molto elevato di cancro del fegato e del polmone in animali che entravano in contatto con l’aspartame
21/5/2020 9:30:00 - Alcol: binge drinking 'brucia' il cervello dei teenager - "L'alcol, è la prima causa di morte tra i giovani"



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

Ho letto per caso la vostra rubrica, mi ha incuriosita molto; leggendo le confessioni delle vostre lettrici mi rendo conto che quello che capitava a me era del tutto normale, andiamo per ordine. Avevo nove anni e alla quinta elementare cerano i miei amichetti di scuola che volevano un bacio da me, incominciai con uno e la mattina appena in classe, prima che entrasse la maestra, molti di loro volevano il bacetto da me sulle labbra, ero incuriosita da tutto questo ma piaceva anche a me, erano sensazioni dolci, una mattina la maestra ci scoprì, avevo diversi ragazzini intorno che mi accerchiavano per il bacetto, la maestra ci sgridò, secondo me fu un grave errore, rimasi turbata e delusa dal comportamento della maestra, e dal quel giorno se volevano un bacetto da me andavamo in bagno. Non sapevo chi dirle queste cose, erano divertente che i maschietti mi cercassero, ma a volte erano troppo intraprendenti, c'era qualcuno che incominciava a toccarmi nelle parti intime, era piacevole e avevo paura nello stesso tempo. A volte quando ci penso mi vengono i brividi a pensare quello che ho fatto.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Dedica a mia figlia
(Mon, 11-Jul-2011)
Dedica a mia figlia
Taipei Tango Festival - La Cu...
(Mon, 06-Oct-2014)
Taipei Tango Festival - La Cu...
Pooh - pensiero 1971
(Tue, 18-Nov-2008)
Pooh - pensiero 1971
Strappano il vestito in diret...
(Wed, 28-May-2014)
Strappano il vestito in diret...
Luigi XVI_L'ultimo giorno (Su...
(Sun, 17-May-2009)
Luigi XVI_L'ultimo giorno (Su...
André Rieu - La Paloma (Live ...
(Wed, 27-Aug-2014)
André Rieu - La Paloma (Live ...
Transformacion de Mikel Jacks...
(Thu, 28-May-2009)
Transformacion de Mikel Jacks...
Giovanni Franzoni: Int. sul d...
(Sun, 05-Jul-2009)
Giovanni Franzoni: Int. sul d...
Ricky Martin - La Mordidita (...
(Mon, 02-Jan-2017)
Ricky Martin - La Mordidita (...
Mireille Mathieu - La Paloma ...
(Wed, 09-Jul-2008)
Mireille Mathieu - La Paloma ...