Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

30 utente(i) online
(2 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Parigi: Chanel, in un mare bianco donna di madreperla -
Racket del caro estinto nel napoletano, 18 arresti -
Le signore riscoprono le calze. Riecco le calze, coprenti e in pizzo -
Foto divertente
Candidato a sindaco di Volla (NA) PDL Salvatore Ricci
NARCISISTA: Colui che ha difficoltà ad amare
La solitudine ci dà il piacere d'una grande compagnia: la nostra
La mia vicina fotografata di nascosto - Pinuccio - Venezia
Alcune donne non sanno cosa vogliono ma sanno benissimo come ottenerlo
L'invidia è il sentimento dei falliti

19/8/2019 9:30:00 - Medicina - IL NARCISISTA CHE AMA SOLO SE STESSO - 19/8/2019 9:20:00 - Salute e Benessere - Rosmarino, proprietà e utilizzo - 19/8/2019 9:10:00 - Nutrizione - Aglio & cipolla, vi amo e poi vi odio... - 19/8/2019 9:00:00 - Salute e Benessere - Pepe Nero, un prezioso Alleato contro il Grasso - 19/8/2019 8:50:00 - Salute e Benessere - Disturbi di Personalità - Comportamento bizzarro - Un'alta emotività - Una forte ansietà -
Salute e Benessere : Farmaco anti-tumorale cancella (nei topi) i sintomi dell'Alzheimer
Inviato da Giuseppe Vivo il 27/4/2019 8:00:00 (1634 letture)

gifcuoreAlzheimer e demenze: 4 geni decidono se il cervello si restringe. Il farmaco stimolerebbe i recettori dei retinoidi X che controllano la quantità di dell'apolipoproteina E prodotta, già nota per funzionare come uno 'spazzino' e per facilitare, quindi, la pulizia del cervello dalle placche beta amiloidi tipiche della malattia neurologica.




coppia-Anziani1Lo studio per ora è stato condotto solo su modelli animali, ma i risultati lasciano ben sperare: un farmaco fino a oggi utilizzato per curare alcuni tipi di neoplasie si è rivelato ingrado di far regredire i sintomi della malattia di Alzheimer per un periodo di tre giorni.

La scoperta, effettuata dai ricercatori della Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland e pubblicata su Science, ha messo in evidenza che il farmaco antitumorale è in grado, almeno nei topi, di annullare il declino cognitivo, comportamentale e di memoria causato dalla comparsa di questa forma di demenza.




Il farmaco stimolerebbe i recettori dei retinoidi X (RXR) che controllano la quantità di dell'apolipoproteina E (ApoE) prodotta, già nota per funzionare come uno 'spazzino' e per facilitare, quindi, la pulizia del cervello dalle placche beta amiloidi tipiche della malattia neurologica.

Approvato da oltre 10 anni dalla Food and Drug Administration statunitense per la cura del cancro, il farmaco ha provocato un miglioramento della memoria e delle altre capacità cognitive connesse al morbo di Alzheimer entro le prime 6 ore dalla somministrazione, con risultati compatibili in tre diversi modelli murini.



Se, come e quando il cervello comincia a rimpicciolirsi dipende da quattro geni, identificati dai neuroscienziati della University of California di Los Angeles con un identikit che è finito sulle pagine di Nature Genetics. Uno studio che riapre l’eterno dibattito a favore della tesi secondo cui Dna e genetica hanno un’influenza decisiva sull’intelligenza. I geni in questione sono stati rintracciati dopo un lavoro che ha coinvolto oltre 200 ricercatori alle prese con esami genetici su oltre 20mila persone. I risultati hanno aperto le porte a quattro geni che influenzerebbero la velocità con cui si restringe con l’avanzare dell’età un’area fondamentale del cervello, “cabina di regia” di apprendimento e memoria.



Questa riduzione, più o meno rapida, sarebbe quindi una condizione correlata in maniera diretta con il rischio di sviluppare l’Alzheimer e con gli effetti più o meno estesi che la malattia può avere sin dal suo esordio. Secondo i calcoli dei ricercatori chi possiede le quattro varianti genetiche incriminate corre il rischio di ammalarsi quattro anni in anticipo rispetto al normale, moltiplicando il pericolo di Alzheimer che dopo i 65 anni raddoppia.

“Un ippocampo più piccolo è una barriera più debole al declino della memoria”, spiega Paul Thompson, uno dei ricercatori.



L’ippocampo ha un ruolo cruciale nel consolidamento della memoria, soprattutto di quella destinata alla verbalizzazione: il significato delle parole o l’associazione tra nomi e persone, che rappresentano uno dei primi segni di debolezza di chi è colpito da Alzheimer, insieme al disorientamento spaziale.







Altre news
19/8/2019 9:30:00 - IL NARCISISTA CHE AMA SOLO SE STESSO
19/8/2019 9:20:00 - Rosmarino, proprietà e utilizzo
19/8/2019 9:10:00 - Aglio & cipolla, vi amo e poi vi odio...
19/8/2019 9:00:00 - Pepe Nero, un prezioso Alleato contro il Grasso
19/8/2019 8:50:00 - Disturbi di Personalità - Comportamento bizzarro - Un'alta emotività - Una forte ansietà
19/8/2019 8:40:00 - Diabete e dieta: i trucchi per abbassare l'indice glicemico
19/8/2019 8:30:00 - CERVELLO: ANCHE LA PANCIA RAGIONA - Grazie a un secondo 'cervello' che ricopre le pareti dell'intestino
19/8/2019 8:20:00 - L'ipocrisia e la doppia morale sessuale
19/8/2019 8:10:00 - Non credere ai maghi sono tutti imbroglioni, di un giro di affari stimato intorno ai 5 miliardi di euro
19/8/2019 8:10:00 - I 5 TIPI DI UOMINI DA EVITARE COME LA PEST
19/8/2019 8:00:00 - La Malattia di Parkinson
19/8/2019 7:50:00 - Fave: Sono ricche di fibre, indispensabili nella regolazione delle funzioni intestinali, e contribuiscono nel controllo dei livelli di glucosio e colesterolo nel sangue
19/8/2019 7:40:00 - Funziona cuore artificiale che non batte - App calcola miglior momento pausa caffe' - In sviluppo vaccino per melanoma
19/8/2019 7:40:00 - Come amare. Perché gli uomini e le donne, non sono corredati da istruzioni dettagliate per l'uso?
19/8/2019 7:40:00 - Un sentimento chiamato amore
19/8/2019 7:30:00 - Una vita da eterosessuale, una famiglia, il divorzio poi ... Gay ma solo ogni tanto
19/8/2019 7:20:00 - Rapporto di coppia e tradimento: quando le donne lo sospettano, fingono l'orgasmo!
19/8/2019 7:20:00 - CODICE STP - RETE DEI SERVIZI PER GLI IMMIGRATI - Codice E.N.I.
19/8/2019 7:10:00 - PUTTANA non è una parola simpatica
19/8/2019 7:10:00 - La storia del nudismo - Notizie in breve
19/8/2019 7:10:00 - E' veramente possibile aumentare la lunghezza del pene?
19/8/2019 7:00:00 - La Pornodipendenza - Dipendenza dalla pornografia
19/8/2019 6:50:00 - Il sesso anale
12/8/2019 9:20:00 - Neurologia: La sensibilità
12/8/2019 9:10:00 - Psicopatico. Comportamento e personalità psicopatica



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

gifbacioDiffusa in ogni ambiente del pianeta, oggi la specie umana conta quasi sette miliardi di individui, divisi in innumerevoli popoli, tribù e nazioni. Eppure, ciascuno di questi uomini ha in comune con tutti gli altri "la stessa argilla" - La maggior parte della gente non è che un ripiego del proprio ideale, il surrogato di ciò che avrebbe voluto essere - La gente stupida dice stupidaggini; quella intelligente le fa. 

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso