Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

21 utente(i) online
(2 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Costa Smeralda - Sardegna -
W I TIFOSI -
Le top model in passerella a Milano con la celebre lingerie -
Shanghai, Mondiali nuoto: buono l'oro per Ana Marcela Cunha -
Dobbiamo fare i sacrifici, Salvatore RICCI
Choc in campo a Pescara, muore Morosini nella Partita Pescara-Livorno
Sanremo: Mengoni trionfa al festival della canzone
 La Bella d'Italia all' HOTEL SAMMARTINO il 17.03.2013 - Agnone - IS -
Le frustate di mia moglie mi mandano in paradiso - Angelo - Verona
Le donne non sanno cosa vogliono ma sanno benissimo come ottenerlo
Curiosità : “Malafemmena” è una parola del dialetto napoletano
Inviato da Angela Vivo il 3/8/2018 7:40:00 (1458 letture)

donna“Malafemmena” è una parola del dialetto napoletano; anche quando è italianizzata in “malafemmina”, la sua origine resta evidente. Altrettanto chiaro è il legame tra questo termine e un grande napoletano: Antonio De Curtis, in arte, e in eterno, Totò.




donna




Totò di femmine se ne intendeva; era notoriamente uno sciupafemmine . Una  donna arrivò a suicidarsi per lui, che ne portò il rimorso per tutta la vita. Non si sa quanta esperienza Totò avesse di malafemmene: sappiamo peraltro con certezza, e con esattezza, che nel 1951 il principe compose la famosa canzone intitolata appunto “Malafemmena”.




Molti continuano a credere che l’abbia composta per la maliarda Silvana Pampanini, incontrata sul set di “Quarantasette morto che parla”, e di cui si sarebbe innamorato senza fortuna. Invece no: la figlia Liliana ha più volte raccontato che la canzone era dedicata alla moglie Diana, per rimproverarla di non aver tenuto fede ad un impegno: ormai separati in casa, Diana aveva promesso al marito di non abbandonare la medesima fino a che la loro unica figlia (la Liliana di cui sopra) non avesse compiuto i diciott’anni. Poi però non aveva mantenuto la promessa, e se n’era andata, per sposare un altro uomo. 

Con la sua amarissima e bellissima canzone,il termine malafemmena diventata rapidamente celebre, il napoletanissimo Totò contribuì non solo alla sua diffusione ma, evento linguistico straordinario,allo “shift”: allo “scivolamento” di significato di questo termine.

Fino ad allora, la parola “malafemmena” era stata perfettamente sovrapponibile a “puttana”: era soltanto un po’meno cruda, meno dura, così da potersi pronunciare in pubblico.  Nella canzone scritta da Totò (al di là della verità storica: semplicemente a rileggerne il testo), la malafemmena  non è una donna che concede i suoi favori a destra e a manca: è semplicemente un’ingannatrice, una donna inaffidabile, che fa credere una cosa, e poi ne fa un’altra: una fedifraga, nel senso letterale di “infrangitrice di fiducia”.



La malafemmena di Totò non è dunque una puttana: è una donna cinica, che gioca coi sentimenti del malcapitato caduto nelle sue reti. E perciò lo fa soffrire.

Grazie alla canzone di Totò, la parola “malafemmena” esce dai confini regionali, e acquisisce una certa notorietà in tutta Italia. Modificando un po’ la sua grafia, malafemmena diventerà successivamente “malafemmina”. E come malafemmina verrà utilizzata e pronunciata da milioni di parlanti nativi.

Lo psichiatra e linguista trasformazionalista Claudio Ciaravolo in un saggio sulla selezione culturale,ha evidenziato come  straordinariamente  anche di quest’altro evento linguistico particolare (l’italianizzazione in malafemmina del termine dialettale malafemmena),si conosce il momento preciso. A veicolare questo cambiamento di vocale è – singolarmente - lo stesso Totò.




Fu lui ad insistere ed ottenere che nel titolo di un film che richiamava la sua già ormai nota canzone ci fosse la i al posto della e.




E’ il 1956, e nelle sale cinematografiche si proietta “Totò, Peppino e la malafemmina” (con la i). Regia di Camillo Mastrocinque.  Ne sono  protagonisti (come recita il titolo) Totò e Peppino De Filippo, nei panni di due contadini campani in missione  a Milano, allo scopo di strappare dalle grinfie della “malafemmina” in oggetto (una splendida Dorian Gray) il proprio nipote, “studente che studia” (un Teddy Reno alle prime armi).

Questo film diventerà un cult e  la diffusione del termine malafemmina con la i sarà grandissima. Da“Totò, Peppino e la malafemmina” sono tratti tre situazioni tra le più  conosciute ed amate:

 l’arrivo dei due a Milano, in piena estate, con cappotto e colbacco, perché “a Milano fa freddo”;  l’incontro con il vigile in piazza del Duomo, e la lettera che Totò detta a Peppino.

A conferma del cambiamento di significato del termine malafemmina, nel film di Mastrocinque la ballerina alla quale viene affibbiata questa qualifica non ha nulla della prostituta: è una brava ragazza, sinceramente innamorata del nipote dei due provinciali, che alla fine sposerà, con soddisfazione di tutti.



 



 




Altre news
21/10/2018 10:00:00 - Le noci, rimedio naturale contro la demenza senile
21/10/2018 9:50:00 - Castagna, da cibo povero a frutto bellezza, cura d'autunno - Antiossidante e immune da inquinamento, cura d'autunno in spa e a casa
21/10/2018 9:40:00 - Disturbo d'ansia/Fobia sociale
21/10/2018 9:30:00 - Ictus: cause, sintomi e terapie
21/10/2018 9:20:00 - L’allattamento: tra falsi miti e piccoli accorgimenti, ecco come vivere un’esperienza unica al mondo
21/10/2018 9:10:00 - L'ipocondria consiste nella costante paura di ammalarsi
21/10/2018 9:10:00 - Rimedi per le Emorroidi
21/10/2018 9:00:00 - Disturbo d'ansia generalizzata
21/10/2018 8:50:00 - IL SANGUE: Riconoscimento dell'invasore - La memorizzazione dell'invasore per impedire future infezioni
21/10/2018 8:40:00 - Le donne sono come i fiammiferi: le freghi una volta sola!
21/10/2018 8:40:00 - Manteniamo la calma, e' l'ansia che fa invecchiare le donne. Fra chi ne soffre e chi ne e' immune e' come se ci fosse differenza 6 anni
21/10/2018 8:40:00 - La zucca è una bomba di salute: 5 motivi per mangiarla
21/10/2018 8:30:00 - IN BREVE: La luce ci fa bene, amplifica le risposte emotive - Ictus colpisce piu' donne che uomini - Nas, cresce fenomeno 'cyber-pusher' - Super-anticorpo protegge topi da Hiv
21/10/2018 8:30:00 - Come scegliere il partner ideale
21/10/2018 8:20:00 - Mammografia - Che cos’è - Come si esegue - Quando si esegue
21/10/2018 8:20:00 - Ora formaggi naturalmente arricchiti, per cuore e anti tumore
21/10/2018 8:10:00 - Depressione e' corto circuito aree del piacere
21/10/2018 8:10:00 - Tabacchi: COMPOSIZIONE DEL PREZZO
21/10/2018 8:00:00 - Calorie non sono uguali e per dimagrire servono grassi
21/10/2018 7:50:00 - LE QUATTRO GIORNATE DI NAPOLI
21/10/2018 7:50:00 - La dieta mediterranea salva la memoria - Tumore seno, bene mini-operazioni - Disturbi sonno mettono a rischio coppie
21/10/2018 7:50:00 - Ecco come si vive e come si comunica dopo la morte
21/10/2018 7:40:00 - Albicocca: È un frutto altamente digeribile, appetibile, ipocalorico e con un indice di sazietà notevole
21/10/2018 7:40:00 - Dimagrimento e frequenza cardiaca
21/10/2018 7:40:00 - I segreti per fare un fritto perfetto - E’ bene non introdurre nella padella troppi alimenti da friggere ma inserirli poco alla volta



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

D: In un mondo in cui la disonestà sembra quasi un luogo comune e spesso è prevista come parte del “fare successo”, perché una persona dovrebbe essere onesta? Non sarebbe ingenuo e stupido? Le persone non si approfitterebbero di una persona onesta? 

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Andrea Bocelli and Luciano Pa...
(Thu, 17-Jul-2008)
Andrea Bocelli and Luciano Pa...
Cantico Chiesa Cristiana Cata...
(Wed, 09-Jul-2008)
Cantico Chiesa Cristiana Cata...
Luciano Pavarotti & Zucchero ...
(Thu, 17-Jul-2008)
Luciano Pavarotti & Zucchero ...
Figura bezobrazni sulla spiag...
(Wed, 15-Jan-2014)
Figura bezobrazni sulla spiag...
Tammurriata Nera (le origini ...
(Fri, 21-Nov-2014)
Tammurriata Nera (le origini ...
Anima mia - Cugini di campagn...
(Wed, 26-Mar-2014)
Anima mia - Cugini di campagn...
L'ego
(Fri, 31-Jul-2009)
L'ego
L'elefante e la farfalla - M....
(Sun, 06-Nov-2011)
L'elefante e la farfalla - M....
Il meglio di AL BANO e ROMINA
(Fri, 28-Apr-2017)
Il meglio di AL BANO e ROMINA
Caterina Caselli - Nessuno Mi...
(Tue, 28-Feb-2017)
Caterina Caselli - Nessuno Mi...