Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

11 utente(i) online
(3 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

ENDRIXFU
Foto Curiose -
Calendario 2010 - Costantino -
Mario Santana e' passato dalla Fiorentina al Napoli -
Redazione di Dimensione Notizia
I cattivi politici sono eletti dai bravi cittadini che non votano
Vile, veramente vile è solo chi ha paura dei suoi ricordi
IL VOLO VINCE LA 65ESIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO
Le donne non sanno cosa vogliono ma sanno benissimo come ottenerlo
Napoli: Sophia Loren, da oggi è cittadina della nostra meravigliosa città, Luigi de Magistris
Curiosità : “Malafemmena” è una parola del dialetto napoletano
Inviato da Angela Vivo il 13/2/2018 7:40:00 (1363 letture)

donna“Malafemmena” è una parola del dialetto napoletano; anche quando è italianizzata in “malafemmina”, la sua origine resta evidente. Altrettanto chiaro è il legame tra questo termine e un grande napoletano: Antonio De Curtis, in arte, e in eterno, Totò.




donna




Totò di femmine se ne intendeva; era notoriamente uno sciupafemmine . Una  donna arrivò a suicidarsi per lui, che ne portò il rimorso per tutta la vita. Non si sa quanta esperienza Totò avesse di malafemmene: sappiamo peraltro con certezza, e con esattezza, che nel 1951 il principe compose la famosa canzone intitolata appunto “Malafemmena”.




Molti continuano a credere che l’abbia composta per la maliarda Silvana Pampanini, incontrata sul set di “Quarantasette morto che parla”, e di cui si sarebbe innamorato senza fortuna. Invece no: la figlia Liliana ha più volte raccontato che la canzone era dedicata alla moglie Diana, per rimproverarla di non aver tenuto fede ad un impegno: ormai separati in casa, Diana aveva promesso al marito di non abbandonare la medesima fino a che la loro unica figlia (la Liliana di cui sopra) non avesse compiuto i diciott’anni. Poi però non aveva mantenuto la promessa, e se n’era andata, per sposare un altro uomo. 

Con la sua amarissima e bellissima canzone,il termine malafemmena diventata rapidamente celebre, il napoletanissimo Totò contribuì non solo alla sua diffusione ma, evento linguistico straordinario,allo “shift”: allo “scivolamento” di significato di questo termine.

Fino ad allora, la parola “malafemmena” era stata perfettamente sovrapponibile a “puttana”: era soltanto un po’meno cruda, meno dura, così da potersi pronunciare in pubblico.  Nella canzone scritta da Totò (al di là della verità storica: semplicemente a rileggerne il testo), la malafemmena  non è una donna che concede i suoi favori a destra e a manca: è semplicemente un’ingannatrice, una donna inaffidabile, che fa credere una cosa, e poi ne fa un’altra: una fedifraga, nel senso letterale di “infrangitrice di fiducia”.



La malafemmena di Totò non è dunque una puttana: è una donna cinica, che gioca coi sentimenti del malcapitato caduto nelle sue reti. E perciò lo fa soffrire.

Grazie alla canzone di Totò, la parola “malafemmena” esce dai confini regionali, e acquisisce una certa notorietà in tutta Italia. Modificando un po’ la sua grafia, malafemmena diventerà successivamente “malafemmina”. E come malafemmina verrà utilizzata e pronunciata da milioni di parlanti nativi.

Lo psichiatra e linguista trasformazionalista Claudio Ciaravolo in un saggio sulla selezione culturale,ha evidenziato come  straordinariamente  anche di quest’altro evento linguistico particolare (l’italianizzazione in malafemmina del termine dialettale malafemmena),si conosce il momento preciso. A veicolare questo cambiamento di vocale è – singolarmente - lo stesso Totò.




Fu lui ad insistere ed ottenere che nel titolo di un film che richiamava la sua già ormai nota canzone ci fosse la i al posto della e.




E’ il 1956, e nelle sale cinematografiche si proietta “Totò, Peppino e la malafemmina” (con la i). Regia di Camillo Mastrocinque.  Ne sono  protagonisti (come recita il titolo) Totò e Peppino De Filippo, nei panni di due contadini campani in missione  a Milano, allo scopo di strappare dalle grinfie della “malafemmina” in oggetto (una splendida Dorian Gray) il proprio nipote, “studente che studia” (un Teddy Reno alle prime armi).

Questo film diventerà un cult e  la diffusione del termine malafemmina con la i sarà grandissima. Da“Totò, Peppino e la malafemmina” sono tratti tre situazioni tra le più  conosciute ed amate:

 l’arrivo dei due a Milano, in piena estate, con cappotto e colbacco, perché “a Milano fa freddo”;  l’incontro con il vigile in piazza del Duomo, e la lettera che Totò detta a Peppino.

A conferma del cambiamento di significato del termine malafemmina, nel film di Mastrocinque la ballerina alla quale viene affibbiata questa qualifica non ha nulla della prostituta: è una brava ragazza, sinceramente innamorata del nipote dei due provinciali, che alla fine sposerà, con soddisfazione di tutti.



 



 




Altre news
19/2/2018 9:10:00 - Differenza tra etica e morale
19/2/2018 9:00:00 - Per sapere veramente tutto sull'alimentazione: Carnitina
19/2/2018 9:00:00 - Il Disturbo da Attacchi di Panico
19/2/2018 8:50:00 - I pregiudizi alimentari - Il pesce fa bene alla memoria perché contiene fosforo? - Le vitamine della frutta sono nella buccia? - La frutta deve essere mangiata lontano dai pasti?
19/2/2018 8:50:00 - In breve: Cervello giovane con Omega3 e vitamine - SESSO, ARRIVA LA PRIMA PILLOLA 'NATURALE'
19/2/2018 8:40:00 - La rivincita del lupino, più forte del colesterolo
19/2/2018 8:30:00 - Joseph Smith Papers: i libri manoscritti delle rivelazioni
19/2/2018 8:20:00 - Web, anche conosciuto come Grande Rete Mondiale - Storia - La nascita - Funzionamento - Significati
19/2/2018 8:20:00 - Il sistema sensitivo risulta di almeno tre ordini di neuroni
19/2/2018 8:10:00 - L’Europa nella società moderna dove civiltà è sinonimo di libertà
19/2/2018 8:00:00 - Se lui fa il cretino, tu smettila di fare l’ingenua
19/2/2018 7:50:00 - Fallo tuo! Come acchiappare un uomo. L'arte della seduzione
19/2/2018 7:40:00 - Biografia di Paolo Borsellino - Il coraggio e la giustizia
19/2/2018 7:40:00 - Sesso gioia e passione: Positive sex people
19/2/2018 7:30:00 - Tu, lui, il ciclo, il sesso. Cosa ne pensano gli uomini
19/2/2018 7:30:00 - Testamento olografo
19/2/2018 7:20:00 - Le donne hanno idee confuse su moglie e amanti ?
19/2/2018 7:20:00 - Il fondatore di Facebook, Zuckerberg e' fra i più ricchi al mondo - Economist, con 28,4% social network sua fortuna 28,4 mld
19/2/2018 7:20:00 - Sesso: l’uomo italiano vira verso la famiglia. E a letto ricorre all’aiutino
19/2/2018 7:00:00 - Dai tradizionalisti agli sperimentatori estremi. Ma la vera novità sono i Casual Lover (amanti occasionali)
19/2/2018 7:00:00 - Come vivere un rapporto erotico-sensoriale
19/2/2018 6:50:00 - ESCORT: Ha sostituito puttana in tutto e per tutto
16/2/2018 8:40:00 - Vivremo sempre più a lungo - I cibi che possono fermare il tempo - Quali controlli medici, per vivere a lungo
16/2/2018 8:40:00 - I 7 principi della guarigione degli atteggiamenti mentali
16/2/2018 8:30:00 - La Depressione



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

cuore2I sonetti di William Shakespeare, si compongono di 154 sonetti formati da tre quartine e un distico per un totale di 14 versi ciascuno. I primi 126 sono indirizzati a un giovane uomo. Gli altri sono indirizzati a una non identificata Dark Lady (donna bruna); attraverso la relazione tra il poeta e questa donna l'autore sviluppa nei suoi sonetti i temi più disparati che vanno dalla morte all'amicizia. Di seguito riporto i sonetti inerenti alle tematiche trattate dal sito.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso