Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

6 utente(i) online
(2 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Brooklyn Decker è stata nominata Best Summer Body 2010 -
Calendario 2011 - Cinthia Fernandez -
VENDOLA AL GAYPRIDE e poi critica Berlusconi. Questo dovrebbe rappresentare il futuro dell'Italia?
Miss Italia in bianco-nero e poi colore -
Napoli: Christian Maggio
Choc in campo a Pescara, muore Morosini nella Partita Pescara-Livorno
La bella Napoli
Ci sono dei malvagi che sarebbero meno pericolosi se fossero assolutamente privi di bontà
Dio fece la donna per ultima perché non voleva consigli mentre creava l'uomo
Il razzismo è l'espressione del cervello umano ridotta ai minimi termini
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > RUBRICA MEDICA > INFEZIONI DA CANDIDA: Candida Albicans - Candida Glabrata - Candida Krusei - Candida Lusitaniae
INFEZIONI DA CANDIDA: Candida Albicans - Candida Glabrata - Candida Krusei - Candida Lusitaniae
Articolo di Franco Petrone pubblicato il 16/7/2013 (3007 Letture)
gif50INFEZIONI DA CANDIDA: Le infezioni da Candida sono frequenti nei pazienti in area critica in particolare nei pazienti traumatizzati, nei settici e nei post operatori, in  quanto queste categorie sono per definizione dei pazienti immunocompromessi. I miceti del gruppo Candida comprendono: Candida Albicans - Candida Glabrata - Candida Krusei - Candada Lusitaniae.



L’80-90% delle candidosi sono dovute alla Candida Albicans, anche se negli ultimi anni si è notato 


un aumento della % delle infezioni da Miceti non Albicans. Uno studio epidemiologico condotto 


negli USA nel periodo 1986-1990 ha dimostrato che una % variabile tra il 7% ed il 22% di tutti i 


pazienti ricoverati ha avuto una coltura positiva per Candida, ed il 17% dei pazienti ricoverati in 


area critica medica e/o chirurgica ha sviluppato una infezione da Candida. 


Le categorie di pazienti a rischio di sviluppare una infezione da Candida sono le seguenti : 


1.  Pazienti neoplastici.  famig


2.  Pazienti politraumatizzati. 


3.  Pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia toraco-addominale. 


4.  Pazienti sottoposti ad antibiotico terapia. 


5.  Pazienti malnutriti. 


6.  Pazienti portatori di device intravascolari temporanei o permanenti. 


7.  Pazienti dializzati. 


8.  Pazienti neurochirurgici o neurotraumatizzati. 


9.  Pazienti sottoposti a trattamenti con steroidi a lungo termine. 


10. Pazienti con AIDS. 


In queste categorie di pazienti sono state isolate 7 cause principali che sono correlate all’insorgenza di Candidosi: 


1. Cateterizzazione di vasi centrali. 


2. Cateterizzazione vescicale. 


3. Antibiotico terapia con 2 o più farmaci. 


4. Trasferimenti da altri ospedali. 


5. Diarrea. 


6. Presenza di Candida nelle urine. 


7. Iperazotemia. 


Le infezioni da Candida possono colpire ogni organo o apparato singolarmente o si manifestano con 


una Candidosi sistemica, una caratteristica importante è che queste non sono infezioni precoci e 


mediamente l’intervallo di tempo tra l’ospedalizzazione e la loro manifestazione varia tra i 18 ed i 22 giorni. 


Ogni qual volta si abbia il sospetto diagnostico o la la certezza di una candidosi va sempre valutato 


il fondo oculare alla ricerca dell’endoftalmite, che  è una complicanza che si presenta in una % 


variabile dal 9% al 22% a seconda degli autori, e che qualora presente automaticamente implica la 


disseminazione ematogena multiorganica e necessita una terapia antifungina protratta.


DIAGNOSI DELLE INFEZIONI DA CANDIDA 


La diagnosi di infezione da candida è sempre molto complessa, e si basa sulla clinica, sulla 


microbiologia, sul laboratorio, sulla sierologia e sulla diagnostica per immagini. 


Clinicamente i segni si suddividono in aspecifici,  che sono la febbre ed la presenza dei segni di 


sepsi più o meno marcati, e specifici quali le lesioni papulari della cute, la mialgia e la tensione 


muscolare alla palpazione. Laboristicamente deve far sospettare un candidosi in presenza dei fattori 


di rischio, l’anemia e la neutropenia. La diagnosi microbiologica si basa 


sulla ricerca della candida con l’emocolture e le colture dalle ferite chirurgiche, dai fluidi corporei 


che abitualmente sono sterili (peritoneale, pleurico  e cerebrospinale), le urinocolture attraverso il 


dosaggio quantitativo che difficilmente è di grosso aiuto visto che la candida è un micete 


abitualmente presente nelle urine attraverso la ricerca della presenza nelle urine delle ifee. 


Vanno inoltre sempre colturati i device intra vascolari e idealmente bisognerebbe anche ottenere 


contemporaneamente delle emocolture ottenute da altri siti. 


La ricerca microbiologica nel sospetto di una infezione da candida implica la raccolta di un set 


intero di colture (broncoaspirato, urinocoltura,  colture dei drenaggi ed emocolture). Per quanto 


riguarda quest’ultime durante un periodo di 48 h dovrebbero essere ottenute da ogni cambio di 


infermieri in modo da ottenere almeno 6 set colturali. Va ricordato che le candide crescono bene in 


recipienti adeguatamente ossigenati quindi va ricordato che essi vanno tenuti in aria ambiente per 


assicurare una buona tensione di ossigeno. La presenza di emocolture positive o negative pone 


comunque dei problemi. 


La presenza di una emocoltura positiva in concomitanza di una positività 


di una coltura ottenuta da un sito normalmente sterile, va considerata segno di una candidasi e la 


terapia va iniziata. Qualora invece la positività di una o due emocolture non sia accompagnata da 


segni clinici (non febbre, emodinamica stabile, assenza di fattori di rischio), o da positività di 


colture ottenute da altre sedi normalmente sterili, è probabile che la candidemia sia transitoria e non 


va trattata. 


Molti autori ritengono imperativo trattare una emocoltura positiva se associata a neutropenia.


Gli stessi problemi se trattare o meno la candida le pongono le emocolture negative in presenza di 


segni clinici e dei fattori di rischio per queste infezioni. Questa condizione è presente nel 50% dei 


pazienti neutropenici, che hanno una candidiasi disseminata, o nei pazienti che hanno una 


pielonefrite, l’endoftalmite, l’osteomielite, la peritonite o l’infezione delle ferite chirurgiche. Le 


cause di questa discordanza vanno ricercate, innanzitutto in un non adeguato numero di emocolture, 


e questo è possibile qualora l’infezione non si manifesti come un fatto acuto, ma decorra in maniera 


sub acuta, o per delle procedure microbiologiche non ottimali per la dimostrazione della candida. 


Un interesse particolare nella diagnosi di infezione da candida lo ha la sierologia. Questa metodica 


si basa sulla ricerca di: 


Anticorpi anticandida  famg


  IgM e IgG. 


Antigeni anticandida 


  antigeni di menbrana. 


  Mannami. 


  antigeni citoplasmatici. 


  Antigeni rilasciati ad intermittenza, utili per le diagnosi seriate. 


La positività della sierologia ed un titolo antigienico superiore di 1 a 4 sono indicativi di una 


infezione clinicamente importante che va trattata farmacologicamente. 


NB !!


Nel sospetto di infezione da Candida va sempre richiesta la sierologia previo accordo 


telefonico con la microbiologia.


Infine nella diagnosi importanza non ultima ce l’ha la diagnostica per immagini. L’ecografia o la Tc 


hanno importanza nella ricerca di lesioni isolate o multiple a livello epatico e renale, mentre la 


radiologia tradizionale ha importanza nella ricerca di lesioni ossee e di focolai di osteomielite.


TERAPIA DELE INFEZIONI DA CANDIDA 


La terapia va sempre iniziata quando al sospetto clinico si associa la presenza di: 


•  Emocoltura positiva per Candida in un paziente immunocopromesso. 


•  Emocoltura positiva per candida associata ad coltura positiva in un sito 


normalmente sterile. 


•  Presenza di Candida in due siti normalmente sterili.  


•  Evidenza microscopica ed istologica di infezione. 


•  Positività per la ricerca di antigeni/anticorpi anticandida con un titolo antigenico > 


di 1 a 4. 


Il trattamento per la candidiasi non si è modificato negli ultimi anni, e l’anfotericina B rimane a 


tuttoggi l’antibiotico di prima scelta, infatti i miceti del genere Candida sono tutti sensibili a questo 


farmaco mentre mostrano delle resistenze a seconda della candida coinvolta nei confronti dei più 


modermi antimicotici. 


•  Candida Albicans sensibile all’anfotericina B ed al fluconazolo . 


•  Candida Glabrata sensibile all’anfotericina B ma non al fluconazolo. 


•  Candida Krusei sensibile all’anfotericina B ma non al fluconazolo. 


•  Candida Lusitaniae sensibile all’anfotericina B ed al fluconazolo. 


ANFOTERICINA B. 


La terapia tradizionale con l’anfotericina B prevede una dose test di 1 mg per valutare eventuali 


reazioni di ipersensibilità, peraltro estremamente rare, seguite da dosi crescenti di 0,3 - 0,5 - 0,7 - 


0,9 mg/kg/die per una dose totale di 1 - 1,2 grammi complessivamente. 


Recentemente sono stati proposti degli schemi terapeutici leggermente diversi: 


1. Dopo la dose test si somministrano 0,5 mg/kg/die per una dose massima di 6 mg/kg. 


2.  Dopo la dose test si somministrano 1 -1,5 mg/kg/die per una dose complessiva di 1 grammo. 


La dose giornaliera va infusa in un periodo di tempo variabile tra le 4/6 ore. 


Attualmente molti autori non ricocnoscono l’utilità della dose test, anche se reazioni alla 


somministrazione del farmaco si hanno in circa il 20% dei pazienti. Viene invece raccomandato il 


monitoraggio attento il primo giorno di terapia dei parametri emodinamici, della temperatura 


corporea e della frequenza respiratoria ogni 30 minuti. Qualora si manifestino i seguenti sintomi: 


febbre (T°>38,9°), ipotensione (Pas<100 mmhg) e  tachicardia, viene  raccomandato l’utilizzo 


profilattico di 25/50 mg di idrocortisone o meperidina 30 minuti prima dell’inizio dell’infusione del 


farmaco. 


La tossicità renale e l’ipokaliemia sono i principali effetti collaterali dell’amfotericina. La tossicità 


renale può essere ridotta togliendo se possibile gli altri farmaci ad azione nefrotossica 


(aminoglicosidici, vancomicina, ciclosporina A ecc.) ed supplementando sodio. 


L’infusione endovenosa di 500 ml di soluzione fisiologica prima della somministrazione 


dell’anfotericina B e di altri 500 ml dopo la fine della stessa riduce la nefrotossicità e la comparsa 


di ipokaliemia.


Un ulteriore passo avanti nella riduzione della nefrotossicità è l’utilizzo dell’anfotericina veicolata attraverso i liposomi, questo riduce l’incidenza di problemi renali e permette la somministrazione di dosaggi molto più elevati che raggiungono i 5 mg/kg. 


FLUCONAZOLO


Il fluconazolo viene utilizzato nei pazienti che non tollerano l’anfotericina B, tuttavia questo 


farmaco non viene raccomandato come prima scelta. I dosaggi raccomandati nei pazienti crititci 


sono i seguenti : si somministrano inizialmente 400 mg seguiti dalla somministrazione di 200 - 400 


mg/die in una unica somministrazione per un periodo variabile a seconda della gravità del quadro 


clinico. Questo farmaco è escreto in gran parte immodificato con le urine in quanto ha un 


metabolismo epatico molto piccolo, quindi va considerato il farmaco di scelta nella candidosi del 


tratto urinario, va ricordato che in presenza di IRA la sua dose va ridotta in base alla Clcr. 


5-FLUCITOSINA


La 5-flucitosina è un ottimo farmaco anti candida, ma se utilizzato da solo comporta lo sviluppo di 


resistenze, quindi va usata solo in associazione  con l’anfotericina B (vedi sotto) permettendo di 


ridurre la dose di entrambi i farmaci, e di conseguenza sia la tossicità dell’anfotericina B che 


l’effetto mielosopressivo della 5-flucitosina. 


TERAPIA DELLA CANDIDOSI SISTEMICA 


Tutti i pazienti con candidosi sistemica richiedono la rapida instaurazione della terapia, in quanto 


alla candidemia è attribuita una mortalità del 38%. La terapia va iniziata con l’anfotericina B alle 


dosi sopra indicate, se i pazienti non migliorano all’anfotericina B va associata la Flucitosina. 


Questa non va mai somministrata da sola  in quanto i Miceti del genere Candida sono 


intrinsecamente resistenti a questo farmaco, mentre un sinergismo con l’anfotericina B è stato 


dimostrato sia in vitro che in vivo. Le dosi di flucitosina consigliate sono 50 - 150 mg/kg/die per via 


orale. 


Il persistere di una candidemia per un periodo superiore ai 5 giorni nonostante l’instaurazione di 


una adeguata terapia deve far considerare di  sostituire tutti i device intravascolari che vanno 


posizionati in altra sede pena l’immediata infezione dei nuovi dispositivi. 


ANFOTERICINA B 0,5 mg/kg/die ev ± 5-FLUCITOSINA 50-100 mg/kg/die per via orale. 


TERAPIA DELLA CANDIDOSI DEL TRATTO URINARIO 


La presenza di candiduria associata a segni di  sepsi, ad una emocoltura positiva, a sierologia 


positiva e/o alla positività per ricerca di Candida in un altro sito normalmente sterile, implica la 


necessità di trattare la causa, in questo caso l’anfotericina B non è il farmaco ideale in quanto si 


concentra poco nelle urine, mentre il fluconazolo rappresenta il farmaco ideale. 


Nessun farmaco però è efficace se non si sostituisce il catetere vescicale, che va cambiato una volta 


istituita la terapia per evitare una disseminazione dell’infezione. 


Quando si sospetta una infezione renale va fatta immediatamente l’ecografia renale per la 


possibilità che si siano sviluppati degli ascessi renali che qualora presenti peggiorano enormemente 


la prognosi.


Nei pazienti con infezione delle basse vie urinarie senza segni di disseminazione, l’utilizzo 


dell’anfotericina B per via endovescicale alla dose di 5 - 10 mg ogni 12 ore per 2 giorni sembra  


essere la terapia di scelta, il catetere va tenuto chiuso dopo la somministrazione del farmaco per un 


periodo non inferiore alle due ore. I lavaggi endovescicali possono essere anche eseguiti con il 


fluconazolo alla dose di 200 mg ogni 12 ore. FLUCONAZOLO 400 mg in prima giornata, seguito da una terapia di mantenimento con 


200-400 mg/die per 7-14 giorni.


TERAPIA DELLA PERITONITE DA CANDIDA NEL POST OPERATORIO 


La peritonite da Candida è una patologia insidiosa, e spesso si associa ad una peritonite batterica. 


La terapia si basa sulla somministrazione per via sistemica di anfotericina B associata o meno alla 


flucitosina in combinazione con dei lavaggi endoperitoneali. 


TERAPIA DELL’ENDOCARDITE DA CANDIDA 


L’endocardite è una complicanza frequente nei pazienti portatori di valvole artificiali, ma 


occasionalmente può essere anche una complicanza di una candidosi sistemica. 


La diagnosi può essere molto difficoltosa in quanto l’ecocardiografia è spesso negativa anche in 


presenza di una colonizzazione valvolare che si manifesta clinicamente. 


La terapia si basa sull’associazione della  5-flucitosina all’anfotericina B in quanto 


quest’ultima ha una scarsa penetrazione nelle vegetazioni. Oltre a questa associazione è anche 


possibile utilizzare il fluconazolo ad alti dosaggi 10 mg/kg/die ad esempio in un paziente di 70 


kg vanno somministrati 700 mg di fluconazolo in 3 somministrazioni. 


TERAPIA DELLA MENINGITE DA CANDIDA 


La meningite da Candida è una grave complicanza che interviene nei pazienti dopo interventi di 


NCH o dopo il posizionamento di shunt. 


Visto che queste sono in ogni caso infezioni gravissime, la terapia si basa sulla seguente 


associazione:  


ANFOTERICINA B 1mg/kg/die + 5- FLUCITOSINA alla dose di 100 mg/kg/die.  


Quando ci troviamo di fronte ad infezioni di media gravità il fluconazolo alla dose giornaliera di 


400 mg può essere sufficiente. 


TERAPIA DELL’ENDOFTALMITE DA CANDIDA 


L’endoftalmite è una complicanza frequente in corso di infezioni da Candida, essa è solitamente 


subdola in quanto può non dare segno si se per molti giorni o settimane anche quando il trattamento 


è stato iniziato. Per questo motivo è di fondamentale importanza far eseguire una visita del fondo 


oculare per valutare l’eventuale presenza di lesioni alla retina. Qualora queste fossero presenti la 


terapia si basa sull’utilizzo a dosi piene dell’anfotericina B associata alla flucitosina in quanto la 


prima ha scarsa penetrazione nel vitro. Quando ci troviamo di fronte a lesioni massive progressive o 


asimmetriche, si impone la vitrectomia parziale e l’uso intravitreale dell’anfotericina B. 






Naviga negli articoli
Precedente articolo Tumore alle ossa: osteosarcoma e condrosarcoma Candidosi, lievito infezione, mughetto, infezione da Candida, infezioni vaginali, candidiasi genitale... prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

Occhi810 buoni motivi che provano che Dio esiste! La realtà ha delle consequenze! Se Dio è reale e noi vivremmo come se lui non lo fosse, mancheremo sia il senso della nostra vita che il nostro futuro.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Our Lady of Fatima - the movi...
(Wed, 09-Jul-2008)
Our Lady of Fatima - the movi...
reggina juventus 2 - 1
(Thu, 03-Jul-2008)
reggina juventus 2 - 1
Luigi XVI_L'ultimo giorno (Su...
(Sun, 17-May-2009)
Luigi XVI_L'ultimo giorno (Su...
Viaggio in Italia, Molise - 5...
(Wed, 17-Jun-2015)
Viaggio in Italia, Molise - 5...
Miseria e Nobiltà
(Fri, 28-Nov-2008)
Miseria e Nobiltà
Schubert - Ave Maria (Opera)
(Mon, 23-Feb-2009)
Schubert - Ave Maria (Opera)
Telecamera nascosta. Il marit...
(Mon, 09-Mar-2015)
Telecamera nascosta. Il marit...
Claudio Baglioni - Sabato Pom...
(Sat, 28-Jun-2014)
Claudio Baglioni - Sabato Pom...
nasty little monkey
(Thu, 11-Dec-2008)
nasty little monkey
Roberta Potrich - Fai da te f...
(Sun, 08-Mar-2009)
Roberta Potrich - Fai da te f...