Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

21 utente(i) online
(6 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Cartoline da Cinecittà: collezione di stelle - Claudia Cardinale -
GUINNESS DAL MONDO -
Italia la partita del riscatto
Fascino al Victoria Derby Day, da Nicole a Lara, Lara Bingle e Jennifer Hawkin
Victoria’s Secret: i reggiseni più costosi di sempre, 15 milioni di dollari
Sepolti a Pompei dall'eruzione del 79 del Vesuvio (NA)
Sepolti a Pompei dall'eruzione del 79 del Vesuvio (NA)
Nico
Napoli: La città porta le stigmate del passato
Foto storiche
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > DIALOGO CON L'EDITORE > Razzismo: discriminazione verso persone che si identificano attraverso la loro regione di provenienza, cultura, religione, etnia, sesso, sessualità
Razzismo: discriminazione verso persone che si identificano attraverso la loro regione di provenienza, cultura, religione, etnia, sesso, sessualità
Articolo di Giuseppe Piccolo pubblicato il 2/9/2018 (163 Letture)
Razzista, che incita al razzismo; il termine razzismo nella sua definizione più semplice si riferisce a un'idea, spesso preconcetta e comunque scientificamente errata, come dimostrato dalla genetica delle popolazioni e da molti altri approcci metodologici, che la specie umana (la cui variabilità fenotipica, l'insieme di tutte le caratteristiche osservabili di un vivente, è per lo più soggetta alla continuità di una variazione clinale) possa essere suddivisibile in razze  biologicamente distinte, caratterizzate da diverse capacità intellettive, valoriali, etiche e morali, con la conseguente convinzione che sia possibile determinare una gerarchia secondo cui un particolare, ipotetico, raggruppamento razzialmente definito possa essere definito superiore o inferiore a un altro. in senso più lato, e di uso non appropriato, comprende anche ogni atteggiamento passivo di insofferenza, pregiudizio, discriminazione verso persone che si identificano attraverso la loro regione di provenienza, cultura, religione, etnia, sesso, sessualità, aspetto fisico, accento dialettale o pronuncia difettosa, abbigliamento, abitudini, modo di socializzarsi o altre caratteristiche, la razza superiore non esiste. Il razzismo è la più grave minaccia dell’uomo verso l’uomo; il massimo di odio con il minimo di ragione. Le lacrime di un uomo rosso, giallo, nero, marrone o bianco sono tutti uguali. Il dolore non ha colore. 


Razzista è chi predica e pratica il razzismo, inteso sotto il profilo storico come «ideologia, teoria e prassi politica e sociale fondata sull’arbitrario presupposto dell’esistenza di razze umane biologicamente e storicamente "superiori", destinate al comando, e di altre "inferiori", destinate alla sottomissione, e intesa, con discriminazioni e persecuzioni contro di queste, e persino con il genocidio, a conservare la "purezza" e ad assicurare il predominio assoluto della pretesa razza superiore». Si parlerà allora di razzismo nazista, che evocava la superiorità della razza ariana (specialmente nella variante germanica) in funzione prevalentemente antisemita (ma non furono risparmiati gli zingari, né gli omosessuali); di razzismo della Repubblica Sudafricana, col suo apartheid, fondato sulla discriminazione razziale, sancito a livello legislativo e istituzionale fino al crollo del regime avvenuto nel 1994; di razzismo statunitense, riguardo a gruppi etnici di colore (neri in primo luogo). Esistette anche un razzismo fascista, variante italiana di quello nazista, ed ebbe come proprio organo ufficiale e strumento di giustificazione teorica il periodico «Difesa della razza», diretto da Telesio Interlandi. Sulla rivista scrisse anche Giorgio Almirante, che poi, insieme ad altri, avrebbe fondato il Movimento sociale italiano, essendone leader indiscusso nel secondo dopoguerra (segretario nazionale dal 1946 al 1950 e dal 1969 al 1987, un anno prima della morte).



Disprezzo ed emarginazione



Caviamo anche un’accezione semanticamente più estesa e slavata, ma non meno preoccupante, di razzismo, comune ai nostri giorni, derivata da quella storica, di cui si è scritto più sopra: «Più genericamente, complesso di manifestazioni o atteggiamenti di intolleranza originati da profondi e radicati pregiudizî sociali ed espressi attraverso forme di disprezzo, di emarginazione nei confronti di individui o gruppi appartenenti a comunità etniche e culturali diverse, spesso ritenute inferiori: episodi di razzismo contro gli immigrati del Terzo Mondo».

Di questo razzismo si troverebbero tracce eloquenti anche in Italia, secondo il più recente rapporto sui diritti umani confezionato da Amnesty International: il tema della sicurezza, proposto con forza come elemento discriminante nell’agenda politica italiana, avrebbe portato con sé un’amplificazione di singoli episodi di violenza, addotti dai media e dai politici come esempi di una pericolosità sociale insita nel fenomeno dell’immigrazione e nella presenza sul territorio di realtà come quella delle comunità rom, tanto da portare al tentativo di sanzionare penalmente un reato previsto all’uopo, quello di immigrazione clandestina. Va precisato che la cosiddetta "percezione" di uno stato di insicurezza e pericolo fisico è ben presente tra gli italiani, che peraltro, se intervistati sparsim dai media o sottoposti a indagini campionarie, nella stragrande maggioranza dei casi rifiutano tassativamente di considerarsi e di essere considerati razzisti.



Da un allevamento di cavalli



Qualche considerazione etimologica, che traiamo soprattutto dalla preziosa Breve storia della lingua italiana per parole di Leonardo Rossi (Loescher, 2005). Razza è da far risalire, secondo la maggioranza degli studiosi, al francese antico harazharas‘allevamento di cavalli, deposito di stalloni’. Inizialmente si applicò a specie animali o vegetali; poi ebbe il significato estensivo di ‘generazione, schiatta’ e di ‘specie, qualità’. Per trovarsi di fronte il primo uso di razza in senso antropologico, come sistema di individuazione di differenti tipi di umani catalogati in gruppi in base ai tratti somatici e fisici, bisogna arrivare in piena temperie positivistica, nel 1866; nel giro di pochi anni si parlerà di razza pura ‘senza incroci’ (1871) e di razza gialla‘razza mongolica’ (1891), mentre di razza bianca ‘razza caucasoide’ si scriveva già nel Settecento. Insomma, il razzismo come ideologia ha basi positivistiche e per strumentazione sillogismi deterministici: le razze differirebbero dal punto di vista biologico e genetico e quindi sotto il profilo delle capacità intellettuali e qualità morali. Con Hitler, la dottrina si precisa, riduce e focalizza: una razza superiore (ariana) ha per corrispettivo una nazione superiore (la Germania); la prima e la seconda, concordemente, devono eliminare le pericolose e contaminanti razzeconsiderate inferiori. Tali elementi ideologici furono recepiti anche dal fascismo mussoliniano negli anni Trenta. La prima testimonianza di razzista in italiano, non a caso, è del 1935, e non ha certo significato negativo (c’è anche un’attestazione isolata del 1907, nell’accezione neutra di ‘teorico delle razze’). Nel 1938, infatti, il regime parlò della necessità di una bonifica razzista. Di razzismo, invece, scrisse per primo Benedetto Croce nel 1932 (nel 1905, altro isolato esempio nel significato denotativo di ‘teoria delle razze’).



 


Naviga negli articoli
Criminalità organizzata, mafia o mafie? prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

La chiamo da casa sul cellulare. Dice che è appena tornata in ufficio. Le dico che qualcosa non mi torna. Mi dice che ho bisogno di farmi vedere. Sto impazzendo? Non sto impazzendo. La conosco mia moglie. Mi tradisce. Butto due cose in una borsa e chiamo un amico che mi ha ospitato a dormire sul suo divano in crisi precedenti. Dopo settimane di confusione mi sento stranamente calmo, ora che ho preso in mano la situazione.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

ViDeO SpOrT
(Fri, 04-Jul-2008)
ViDeO SpOrT
Fantasma di ragazza, document...
(Wed, 09-Jul-2008)
Fantasma di ragazza, document...
Rihanna - Man Down
(Thu, 27-Oct-2011)
Rihanna - Man Down
Pavarotti - Nessun Dorma
(Thu, 03-Jul-2008)
Pavarotti - Nessun Dorma
HOTEL SAMMARTINO - La Bella D...
(Sat, 06-Apr-2013)
HOTEL SAMMARTINO - La Bella D...
Falcone e Borsellino dicono c...
(Sun, 24-May-2015)
Falcone e Borsellino dicono c...
FILM (COMPLETO) I SOLITI SOSP...
(Fri, 07-Nov-2008)
FILM (COMPLETO) I SOLITI SOSP...
Pompei (Superquark)
(Mon, 24-Mar-2014)
Pompei (Superquark)
Etta James & Cuck Berry - Roc...
(Sat, 06-Dec-2008)
Etta James & Cuck Berry - Roc...
La canzone del bambino nel ve...
(Sun, 29-Jul-2018)
La canzone del bambino nel ve...