Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

23 utente(i) online
(1 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

W I TIFOSI -
Calendario - Costantino - 2010 -
Sabrina Ferilli -
Una bella donna piace agli occhi, una buona piace al cuore
Donne e motori gioie e dolori
Le buone amanti, se poi diventino mogli, sono quasi sempre cattive mogli
Laura Cremaschi in posa hot per il Mondiale
Il tris dell'Ave Maria: Nico, Giuseppe, Vincenzo
NAPOLI: STORIA PER IMMAGINI DEL CAPOLUOGO PARTENOPEO
RAZZISMO È SINONIMO D’IMBECILLITA’
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > DIALOGO CON L'EDITORE > Caro editore è giusto fare il moralista con gli studenti ?
Caro editore è giusto fare il moralista con gli studenti ?
Articolo di Gennaro Piccolo pubblicato il 18/6/2017 (1213 Letture)
Il dirigente scolastico decide in piena autonomia sull’abbigliamento degli studenti. Come su fumo e uso di cellulari. Eppure su baci e abbracci in corridoio...



l dirigente scolastico decide in piena autonomia sull’abbigliamento degli studenti. Come su fumo e uso di cellulari. Eppure su baci e abbracci in corridoio.



Ragazzaminigonna


Che cosa può risultare più antipatico alla vista quando il termometro supera i 30 gradi: un liceale fresco in pantaloncini e canottiera oppure un professore incravattato che gronda di sudore? E’ peggio una quindicenne in minigonna e sandali o un’insegnante ben coperta che costringe gli alunni a mettere la mascherina in classe? Non lo decide la legge ma lo decide il dirigente scolastico. A lui l’arduo compito di stilare l’elenco dei divieti di comportamento a scuola, compreso quello di presentarsi in abiti succinti o, comunque, non adatti al contesto.



Il preside può vietare i pantaloncini a scuola perché il Ministero gli consente di decidere in piena autonomia. Certo, anche lui deve rispettare le regole, a cominciare da quelle che riguardano il rispetto della privacy dei ragazzi. Ma per quanto riguarda il codice di comportamento, la scelta è soltanto sua.


Il divieto di pantaloncini o minigonne a scuola



Perché costringere un ragazzo o una ragazza a vestirsi con abiti lunghi quando il caldo di fine o inizio anno scolastico lo sconsiglia? Nella maggior parte dei casi, il preside vieta i pantaloncini a scuola per una questione di decenza. Sembra un discorso troppo antiquato ma è così.



Pantaloni a vita bassa, gonne troppo corte, infradito, bermuda sono banditi in molte scuole, da Nord a Sud. Recentemente, i ragazzi di una scuola del Veneto si sono ribellati, invocando addirittura il diritto alla salute e la Convenzione dei diritti dell’uomo. Niente da fare: il regolamento della scuola parla chiaro e viene stilato in modo completamente autonomo. E vuole che gli studenti si presentino alle lezioni in abbigliamento «decente», cioè pantaloni lunghi o gonna fino al ginocchio, magliette che non mostrino l’ombelico e che coprano le spalle, scarpe che non diano l’impressione di essere al mare. Nulla, insomma, che possa «distrarre» l’occhio adolescente di ragazzi e ragazzi alle prese con bollori dettati non soltanto da fattori climatici. Se il criterio della dirigenza è questo, il preside può vietare i pantaloncini a scuola.


Vietato baciarsi a scuola



I bollori, appunto. In molte scuole i ragazzi devono imparare a tenerli a bada. Perché il preside può anche vietare di scambiarsi troppo palesemente delle effusioni all’interno della scuola. Baci ed abbracci troppo espliciti sono banditi dagli istituti.



Solo per una questione morale? Non sempre. Qualche dirigente scolastico, forse per non essere tacciato di «troppo bigotto», ha argomentato un problema sanitario: i baci spinti tra i ragazzi possono essere – dicono – un veicolo per la trasmissione di malattie infettive (in un liceo di Roma si parlò, addirittura, di pericolo di contagio dell’influenza aviaria). Insomma, scambiarsi baci da innamorati può nuocere gravemente alla salute. Meglio evitarli, dunque. Almeno a scuola. Fuori dall’istituto, che i giovanotti facciano quello che vogliono.


Cellulari e fumo: gli altri divieti a scuola



Il preside può vietare i pantaloncini a scuola, anche i baci tra i ragazzi ma anche l’uso del cellulare. Lo smartphone è, probabilmente, l’oggetto che più discussioni ha sollevato tra insegnanti e studenti. Anche perché oggi togliere ad un ragazzo il telefonino dalla mano sembra quasi un oltraggio.



Pure in questo caso, però, gli alunni devono mettere il cuore in pace: in tutta autonomia, il preside può vietare l’uso del cellulare a scuola, almeno durante le lezioni, se non addirittura per tutto il tempo di permanenza del ragazzo all’interno dell’edificio scolastico.



I dirigenti si sentono appoggiati dal Garante per la privacy, che ha vietato la diffusione sul web di immagini (foto o video) scattate o girate all’interno della scuola, pena una sanzione disciplinare o pecuniaria, se non addirittura l’obbligo di rispondere di un reato (violazione della privacy, ad esempio). Vale lo stesso per i tablet, ammessi soltanto per fini didattici. Non si tratta soltanto di evitare distrazioni durante le lezioni, ma di debellare anche il fenomeno delle «prese in giro» che possono sfociare in atti di bullismo verso altri compagni.



L’insegnante può sequestrare il cellulare allo studente a patto che lo restituisca alla fine della lezioni o lo affidi alla scuola per la successiva consegna ai genitori.



Più rigoroso, invece, il divieto di fumo. Vale per i ragazzi come per i professori. Sta alla scuola decidere se permettere agli studenti di fumare in un’area all’aperto. Ma, anche qui, è il preside che può vietare il fumo a scuola nel modo più assoluto. A tutti, compreso se stesso.



 


Naviga negli articoli
Precedente articolo Le Pasque Piemontesi, il massacro dimenticato Caro editore: Reagire sempre alla cattiveria e mai essere indifferenti...? prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

La crisi di coppia non è mai determinata da un solo evento, in genere si tratta di una combinazione di fattori e ha come tratto distintivo il protrarsi nel tempo.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Capracotta comune più alto d'...
(Fri, 30-Jan-2015)
Capracotta comune più alto d'...
Al Bano & Romina Power - Shar...
(Sun, 06-Jul-2008)
Al Bano & Romina Power - Shar...
Nudista Loco
(Sat, 24-Jan-2009)
Nudista Loco
Antonio Ottaiano - Che resta ...
(Thu, 03-Jul-2008)
Antonio Ottaiano - Che resta ...
Gli Impresentabili - Matteo S...
(Sun, 11-Dec-2016)
Gli Impresentabili - Matteo S...
Frank Sinatra-The best of-Fra...
(Thu, 26-Dec-2013)
Frank Sinatra-The best of-Fra...
SCHERZI BASTARDI 2017 REMIX
(Tue, 14-Aug-2012)
SCHERZI BASTARDI 2017 REMIX
STATUS QUO (whatever you want...
(Fri, 14-Aug-2009)
STATUS QUO (whatever you want...
I Cugini Di Campagna - 64 Ann...
(Tue, 19-Feb-2013)
I Cugini Di Campagna - 64 Ann...
Gli Alunni del Sole - Concert...
(Thu, 26-Dec-2013)
Gli Alunni del Sole - Concert...