Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

14 utente(i) online
(1 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Supattra Sasupan, 11 anni, ragazza piu' capelluta del mondo -
Miss Italia in bianco-nero e poi colore -
Nina Zilli, ero innamorata pazza di Celentano
Nuovo colpo ai Casalesi, preso l'ultimo latitante, Massimo Di Caterino
Donna, tu sai che effetto fai veramente agli uomini?
Le donne non sanno cosa vogliono ma sanno benissimo come ottenerlo
La mia dolce mamma
FOTO STORICHE
La vecchiaia inizia quando si è sicuri di non essersi mai sentiti così giovani
Gli obesi vivono di meno, però mangiano di più
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > DIALOGO CON L'EDITORE > Mi potrebbe dire da dove deriva il nome Volla (NA) - Il 1953, anno che segnò il suo passaggio da S. Sebastiamo al Vesuvio a Comune autonomo
Mi potrebbe dire da dove deriva il nome Volla (NA) - Il 1953, anno che segnò il suo passaggio da S. Sebastiamo al Vesuvio a Comune autonomo
Articolo di Giuseppe Piccolo pubblicato il 25/4/2011 (998 Letture)
Caro editore, mi potrebbe dire da dove deriva il nome Volla (NA) ? La storia, in senso stretto, grazie - La storia, in senso stretto, del Comune di Volla ha inizio con il 1953, anno che segnò il suo passaggio da trascurata frazione di S. Sebastiamo al Vesuvio a Comune autonomo.

Comand. Vigili di Volla Maggiore Vincenzo Piccolo Il precedente periodo è solo una serie di vicende plurisecolari di un abitato di cui si hanno solo vaghe framentarie notizie. La denominazione di Volla è frutto di trasformazioni varie da BOLLA in LABULLA, in BULLA ed infine VOLLA.


Bolla era chiamata dai latini perché nella zona esisteva una sorgente d'acqua che alimentava due piccoli fiumi, di cui uno sotterraneo. Le denominazioni Bulla e Labulla si trovano in citazioni inserite in un diploma di Carlo D'Angiò, in un poemetto del Pontato ed in alcune annotazioni del dotto Piero Summonte.

Di Volla o Ignuolo si legge nella Storia Angioina allorché si riferisce che, alla morte di Carlo III di Durazzo è sotto il figlio Ladislao, una rissa contrappose i nobili del quartiere Montagna con quelli di Portanova per cui Ladislao accampò le truppe a nord della località detta VOLLA O IGNUOLO.



Con la denominazione DOGLIUOLO veniva indicato il sito in cui confluivano le acque della VOLLA con quelle del SARNO per essere distribuite a NAPOLI.

S. Sebastiano al Vesuvio, e con esso Volla, rientrava fra i 35 Casali della città di Napoli nei quali fu diffuso il “Banno” emanato d'ordine dell'illustre duca d' ARCOS nel quale veniva regolato il -Jus panizandi- e veniva affidata ai possessori della gabella della farina.  Luigi Crinisio, don Vittorio, Vincenzo PiccoloAltre testimonianze delle passate divenne di Volla sono date da atti di concessione gratuite, sotto il RE Alfonso D' ARAGONA (1442- 1458), di terreni che costituivano " maremma pestilenziale e incolta a causa di copiose acque" agli agricoltori più miseri.

Nel 1644 l'attuale territorio doveva far parte del “Casale di S. Sebastiano al Vesuvio” che il re di Spagna Filippo IV donò, insieme con il titolo di marchese, a Donna Giulia Brancaccio, moglie del FU regente Caracciolo, per i servigi resi dallo zio Maestro di Campo di Camello delli Monti. tale Casale aveva Giurisdizione “insino alle Paludi circonferendo la Taverna della Noce e la via Sommese, dindi la feudelli Magliuli verso il fiume a mano dritta quando si discende alle Masserie- (Attualmente territorio di Volla per quanto riguarda Taverna della noce e Paludi, nonché territorio di Cercola per le zone delle frazioni Caravita, Monteoliveto e Catini).



La bonifica dei suoli reali rese terreni molto fertili e si sviluppò la primordiale economia di Volla che ancora oggi è prevalente.

Esiste documentazione dell'istanza presentata da un ricco proprietario terriero di Volla, Michele Lufrano per panificare in proprio. In tale istanza il Lufrano specificava di possedere 75 moggia nel tenimento di Volla, pertinenza del Casale di San Sebastiano, nel quale aveva costruito "un casino con osteria ed altri comodi per abitazioni dei suoi personali". In tale costruzione pensava di ricavare " un forno per cuocere il pane per uso non meno dei suoi coloni che per servizio di tutti quelli che vanno servendo S.M. Il re allorché ivi si porta per il suo Reale divertimento della Caccia.

Parte del territorio di Volla era, dunque riserva di caccia dei Reali all'epoca del Lufrano (1750). (Lufrano aveva un grande panificio a Volla, serviva anche il Re di Napoli).

La casa reale, che si riferiva al RE Ferdinando di Borbone, lo era diventata già molti secoli prima, quando la zona (paludosa, umidissima, maleodorante ed infestata di zanzare) fu bonificata a seguito di provvedimento da CARLO d' Angiò e, in seguito da Alfonso d' Aragone: con Ferrante I, furono realizzati gli incanalamenti delle acque nel FOSSO REALE e nel Fosso del Graviuolo e la zona divenne luogo di caccia riservata al RE e alla Corte.



Allorché a seguito di lunghe battaglie politiche per l'ottenimento dell'autonomia, nel 1953 Volla assurse a rango di Comune i primi amministratori si trovarono al governo di un territorio povero di servizi e con uno sparuto numero di dipendenti che operavano nel piccolo fabbricato, oggi adibito a consultorio familiare.



In circa 30 anni di amministrazione si sono assicurati i maggiori servizi con la costruzione della casa comunale, tre edifici di scuole elementare, due scuole medie, rete idrica e fognante per le zone più popolose, impianto di depurazione.

Volla (NA) divenne comune indipendente da San Sebastiano al Vesuvio (NA) con il commissario straordinario Luigi Crinisio (1953), il primo sindaco di Volla (NA) Michele Scarpato, il primo Comandante dei Vigili Vincenzo Piccolo, il primo vice comandante Vittorio Nelisio, il primo vigile Luigi Iorio.





Naviga negli articoli
Precedente articolo Caro editore, ma perchè ho studiato? Come avviene un Terremoto - A livello locale gli effetti di un sisma possono variare anche sensibilmente in conseguenza dei cosiddetti effetti di sito prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

gif72La psoriasi è una delle tante malattie autoimmuni, cioè causate da anomalie del sistema immunitario, che sono le difese naturali dell’organismo. Nelle persone che hanno una predisposizione, un gruppo di cellule del sangue, dette linfociti T, si attiva contro l’organismo stesso, liberando alcune proteine specifiche, le citochine, che causano l’infiammazione e i vari problemi della psoriasi. La predisposizione è genetica cioè viene trasmessa dai genitori ai figli attraverso i geni, e rimane per tutta la vita. In Italia esistono 140 centri per la cura della psoriasi davvero di eccellenza; si tratta di strutture dotate di ambulatori specializzati dove possono essere somministrati i nuovi farmaci biologici, totalmente a carico del Sistema Sanitario Nazionale.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Francesco de Gregori - Genera...
(Tue, 01-Nov-2011)
Francesco de Gregori - Genera...
Pet Shop Boys - It's A Sin
(Fri, 22-Apr-2011)
Pet Shop Boys - It's A Sin
Miley Cyrus - Can't Be Tamed
(Sun, 05-Feb-2012)
Miley Cyrus - Can't Be Tamed
Le campane di Agnone - IS
(Sat, 19-Apr-2014)
Le campane di Agnone - IS
IL POLITICANTE - Nemmeno il ...
(Sun, 01-Jan-2012)
IL POLITICANTE -  Nemmeno il ...
Babbo Natale Nel Mondo
(Tue, 18-Nov-2008)
Babbo Natale Nel Mondo
Zucchero Blu
(Mon, 07-Jul-2008)
Zucchero Blu
Totò - Miseria e nobiltà
(Sun, 17-Nov-2013)
Totò - Miseria e nobiltà
Ricette cucina: Flan di zucch...
(Tue, 08-Jul-2008)
Ricette cucina: Flan di zucch...
Napoli...citta' meravigliosa
(Sat, 19-Jul-2008)
Napoli...citta' meravigliosa