Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

34 utente(i) online
(2 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

W I TIFOSI -
Carla Bruni 'impaziente' di partorire -
Devis Boschiero, il pugile padovano di 27 anni campione europeo -
Joseph Smith fondatore dei Mormoni
Foto del premio World Press Photo ad Amsterdam
HOTEL SAMMARTINO - AGNONE - IS
È un cretino illuminato da lampi di imbecillità
Calendario senza veli delle casalinghe 2014
La ricchezza della vita è fatta di ricordi, dimenticati
Elle Macpherson The Body per sempre, da bambina a mamma
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > RUBRICA LEGALE > Istanze alla P.A.: l’ente deve rispondere alle email del cittadino
Istanze alla P.A.: l’ente deve rispondere alle email del cittadino
Articolo di Avv. Carlo Vitaliano pubblicato il 12/9/2019 (405 Letture)
Rivoluzione nei rapporti tra amministrazione e cittadino: la P.A. non può più respingere le istanze inviatele per email, pretendendo la forma cartacea o la firma digitale; ogni ente deve dotarsi di un indirizzo PEC e utilizzarlo, necessariamente, per comunicare con il pubblico.


L’Amministrazione non può più far finta di niente: quando riceve un’email al proprio indirizzo di posta elettronica certificata, da parte del cittadino, contenente qualsiasi istanza, ha il dovere di rispondergli, fornendo tutte le informazioni necessarie. La legge “anticorruzione” obbliga, infatti, ciascun ente a dotarsi di un indirizzo PEC e di renderlo noto tramite il proprio sito web istituzionale. A questo indirizzo, ciascun cittadino ha la facoltà di rivolgersi per trasmettere istanze ricevere informazioni circa i provvedimenti e i procedimenti amministrativi che lo riguardano.

La nuova legge compie un passo decisamente importante nella semplificazione dei rapporti tra P.A. e cittadino. In particolare, l’aspetto più importante è che quest’ultimo non ha l’obbligo di dotarsi, a sua volta, di un indirizzo di posta elettronica certificata per dialogare con gli enti pubblici. È sufficiente, al contrario, che invii una email semplice. A questa mail l’amministrazione ha sempre l’obbligo di fornire una risposta, anche se ha già predisposto un servizio di navigazione e informazione sul proprio sito.

L’email del cittadino, una volta arrivata a destinazione, verrà poi smistata attraverso i sistemi di protocollazione informatica.

Sorgono a questo punto due problemi.

Il primo è quello dell’identificazione del richiedente. Potendo questi inviare una email semplice e non necessariamente certificata, l’amministrazione potrebbe pretendere la scansione del documento di identità o gli estremi dello stesso.

Il problema, ovviamente, non si porrà per le aziende, già obbligate per legge a munirsi di una PEC.

Il secondo è quello di eventuali marche da bollo necessarie per la presentazione dell’istanza. Il pagamento dell’imposta non potrà costituire un ostacolo all’invio dell’istanza per email. Allora l’amministrazione dovrà indicare al cittadino le modalità per assolvere, in modalità telematica, al pagamento del bollo.



 


Naviga negli articoli
Precedente articolo Denuncia archiviata: spetta il risarcimento al denunciato? Perquisizione senza mandato: è valida? prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

cuore3I tempi dell’idraulico sono davvero finiti. Leggenda o meno, da una ricerca ad hoc realizzata da Incontri-Extra Coniugali , un portale italiano specializzato in “scappatelle” emerge che anche il mestiere favorisce il tradimento. Ed è venuta fuori una sorta di black list che raccoglie i mestieri che negli ultimi tempi, a detta degli intervistati, più aiutano a tradire e che più attraggono uomini e donne che cercano un amante. 

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso