Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

15 utente(i) online
(3 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Danza dell'amore delle giovani indiane -
La Regina non si trattiene: orribile mostra abito sposa di Kate -
Alcide De Gasperi a New York -
Fiat, arriva in Usa la 500e. Primo modello 100% elettrico. Vendita in California dal 2013
Calendario 2014 - Raffaella Fico
Da Eva Green, sexy e malvagia in "Sin City 2", al nudo integrale di Scarlett Johansson
Il ricordo della felicità non è più felicità; il ricordo del dolore è ancora dolore
Nessuna lealtà è dovuta a un traditore
Napoli ieri
Vivere non è concepire ciò che bisogna fare, è farlo
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > RUBRICA LEGALE > Il lavoratore può anticipare la pensione se è diabetico?
Il lavoratore può anticipare la pensione se è diabetico?
Articolo di Avv. Carlo Vitaliano pubblicato il 21/11/2017 (159 Letture)
Ai lavoratori diabetici non è riconosciuta la possibilità di anticipare la pensione, a meno che dal diabete stesso non derivi una riduzione della capacità lavorativa, quindi una determinata percentuale d’invalidità. La normativa previdenziale, difatti, non riconosce la pensione anticipata o una maggiorazione dei requisiti in base al solo verificarsi di una malattia, ma bisogna che dalla malattia stessa derivi una certa percentuale d’invalidità 



per ottenere (se sussistono i requisiti di contribuzione):




  • la pensione di vecchiaia anticipata, a 55 anni e 7 mesi di età per le donne e 60 anni e 7 mesi per gli uomini, se si possiedono almeno 20 anni di contributi e se l’invalidità è almeno pari all’80%; questo tipo di pensione non è riconosciuta ai dipendenti pubblici e, per ottenerla, è necessario attendere una finestra di 12 mesi dalla maturazione dei requisiti alla liquidazione della pensione;

  • una maggiorazione pari a 2 mesi di contributi figurativi in più ogni anno, se l’invalidità è almeno pari al 74%;

  • la pensione d’inabilità, se viene riconosciuta l’inabilità permanente e assoluta allo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa; sono necessari almeno 5 anni di contributi, di cui 3 anni versati nell’ultimo quinquennio;

  • la pensione per inabilità alle mansioni o a proficuo lavoro, per i soli dipendenti pubblici (i requisiti di contribuzione sono diversi a seconda del tipo di pensione e per i dipendenti dello Stato, degli enti locali e del comparto sanità pubblica).


Diabete e invalidità



Ci si chiede, a questo punto, qual è la percentuale d’invalidità riconosciuta per il diabete. In realtà non esiste una percentuale unica, ma dipende dal tipo di patologia riscontrata. Vediamo i principali contemplati dalle tabelle Inps:



  • diabete mellito con complicanze gravi: dal 91% al 100%;

  • diabete mellito scompensato con complicanze di grado moderato: dall’81% al 90%;

  • diabete mellito in mediocre compenso con complicanze di grado moderato: dal 71% all’80%;

  • diabete mellito in buon compenso con complicanze di grado moderato: dal 61% al 70%;

  • diabete mellito scompensato con complicanze di grado lieve: dal 51% al 60%;

  • diabete mellito in mediocre compenso con complicanze di grado lieve: dal 41% al 50%;

  • diabete mellito tipo 2 insulino trattato non complicato scompensato: dal 31% al 40%;

  • diabete mellito in buon compenso con complicanze di grado lieve: dal 21% al 30%;

  • diabete mellito tipo 1 in mediocre compenso glicemico e/o con complicanze solo strumentalmente rilevate: dall’11% al 20%;

  • diabete mellito tipo 2 insulino trattato e diabete mellito tipo 1 non complicato: dal 6% al 10%;

  • diabete mellito tipo 2 non complicato: dallo 0 al 5%.



In base a quanto osservato, la percentuale d’invalidità e la possibilità di ottenere prima la pensione dipendono dal tipo di diabete diagnosticato.


Diabete: come fare domanda d’invalidità



Per ottenere la pensione di vecchiaia anticipata, la maggiorazione dei contributi o uno dei trattamenti d’inabilità, non basta che il medico curante diagnostichi il diabete, ma bisogna che l’invalidità derivante dal diabete sia riconosciuta da parte di un’apposita commissione medica.



 


Naviga negli articoli
La proprietà, il possesso e la detenzione prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

cinchiglia3Il dramma è che spesso, ultimamente, basta esprimere disapprovazione per essere subito tacciati di moralismo, dimenticando che il valori morali possono anche essere sinceramente espressi e non solo ipocritamente espressi - Non è il corpo in sé ad essere giusto o sbagliato, ma il significato che diamo a quel corpo in quel momento. 

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso