Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

9 utente(i) online
(2 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Calendario 2010 - Alice Goodwin -
Napoli: tricolore sui rifiuti, c'e' chi scatta foto-ricordo -
Cesena-Napoli: Hugo Campagnaro abbracciato da Paolo Cannavaro dopo aver riportato in vantaggio il Na
Il Lussemburgo e le sue nozze da favola, tra il principe Guglielmo e Stephanie
Angela: Ecco come piace a mio marito che io sieda al bar - Agnone - IS
Alena Seredova in bikini in spiaggia a Rio de Janeiro
Per conservare l'amore del proprio amante è indispensabile che il timore siano sempre presenti
Jesica Cirio è la showgirl più chiacchierata del momento
Il denaro non dà la felicità? Che cosa la dà allora, vi domando?
Nessun uomo può essere amico di una donna che trova attraente: vuole sempre portarsela a letto
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > RUBRICA MEDICA > Stomaco
Stomaco
Articolo di Celeste Stella pubblicato il 30/7/2017 (1760 Letture)
Lo stomaco è un organo impari che si presenta come un tratto dilatato del canale alimentare, interposto tra esofago e intestino tenue. È situato nella cavità addominale subito al di sotto del diaframma e occupa l’ipocondrio sinistro e una parte dell’epigastrio. In esso gli alimenti si accumulano e sostano temporaneamente per essere sottoposti all’azione digestiva del succo gastrico.


L’organo presenta dimensioni variabili con l’età e nei due sessi, essendo di regola più voluminoso nel maschio. La sua capacità media è nell’adulto di 1200 ml, ma può variare con le abitudini alimentari essendo superiore nei vegetariani e nei forti mangiatori. In condizioni di media distensione ha una lunghezza di circa 30 cm e un diametro trasverso di 5-10 cm che decresce dalle porzioni prossimali a quelle distali.

La forma dell’organo si modifica considerevolmente in rapporto con lo stato di tonicità delle sue pareti; nel vivente, pertanto, la conformazione è diversa rispetto al cadavere. Variazioni nella forma e nella direzione dello stomaco si osservano nel vivente anche in rapporto con le diverse condizioni funzionali dell’organo, in dipendenza dei vari atteggiamenti assunti dal corpo e a seconda del tipo costituzionale dell’individuo. Lo stomaco tende ad orientarsi, con il suo asse longitudinale, verticalmente nei longitipi e orizzontalmente nei brachitipi.

Lo stomaco ha forma di sacca allungata con l’estremo prossimale espanso a cupola e posto in alto e a sinistra del piano sagittale mediano, e l’estremo distale, irregolarmente conico, situato in basso e a destra. Il suo asse principale è per gran parte pressoché verticale ma, nella sua porzione inferiore, si inflette verso destra facendosi dapprima orizzontale e quindi obliquamente ascendente in alto e indietro. Pertanto l’organo si presenta complessivamente incurvato con la concavità rivolta a destra, in alto e posteriormente. Lievemente appiattito in senso sagittale, offre a considerare due pareti, anteriore e posteriore, delimitate da due margini, destro (o concavo) detto anche piccola curvatura e sinistro (o convesso) detto anche grande curvatura; inoltre, presenta due orifizi, superiore (o cardias orifizio esofageo) e inferiore (o piloro o orifizio duodenale).

Le pareti hanno superficie liscia e leggermente convessa; l’anteriore guarda in avanti, leggermente in alto e a destra; la posteriore in dietro, leggermente in basso e verso sinistra.

I margini, curvilinei e di estensione ineguale, segnano il limite tra parete anteriore e parete posteriore.



  • La piccola curvatura dello stomaco, lunga in media 15 cm, descrive una curva aperta in alto e a destra. Inizia dal cardias sul proseguimento del margine destro dell’esofago, discende dapprima quasi verticalmente, si inflette quindi in alto e indietro (piega angolare) e infine raggiunge il piloro dove continua con il margine superiore del duodeno.

  • La grande curvatura dello stomaco, lunga in media 40 cm, si presenta fortemente convessa. Inizia dal contorno superiore del cardias e si dirige dapprima in alto, formando con il margine sinistro dell’esofago un angolo acuto (incisura cardiale); descrive quindi una curva aperta inferiormente che delimita il fondo dello stomaco; discende poi in basso con direzione quasi verticale per incurvarsi gradualmente in alto a destra fino a raggiungere il piloro, dove continua con il margine inferiore del duodeno.

  • Il cardias (o orifizio superiore o orifizio esofageo) è segnato sulla superficie esterna dall’incisura cardiale.



Il piloro (o orifizio superiore o orifizio duodenale) è segnato sulla superficie esterna da un solco anulare, il solco pilorico, cui corrisponde internamente la sporgenza dello sfintere pilorico.



Si distinguono nello stomaco tre parti principali: fondo, corpo e parte pilorica.

Il fondo dello stomaco (o grande tuberosità) è la parte più alta dello stomaco che, a forma di cupola, si adatta alla concavità del diaframma; si considera come limite convenzionale tra fondo e corpo un piano orizzontale passante per il cardias.

Il corpo dello stomaco rappresenta la porzione più estesa dell’organo e fa seguito direttamente al fondo; ha forma cilindro-conica e si dirige in basso quasi verticalmente, restringendosi; il limite convenzionale con la parete pilorica è segnato da una linea obliqua che dalla piega angolare raggiunge la grande curvatura.

La parte pilorica dello stomaco, di aspetto irregolarmente conico, è diretta obliquamente in alto e a destra e forma con il corpo un angolo di circa 90° che determina sulla piccola curvatura un’incisura, la piega angolare. Vi si distinguono, separate talora da un solco incostante, due porzioni: la prima, detta antro pilorico, è lievemente rigonfiata, specialmente in basso dove forma la piccola tuberosità; la seconda, costituita da un canale cilindrico lungo circa 3 cm, prende il nome di canale pilorico. È diretta a destra, in alto e indietro ed è delimitata rispetto al duodeno dal solco pilorico.



Stomaco in situ



Muscolatura dello stomaco



 



 


Naviga negli articoli
Precedente articolo Amilasi Alte nel Sangue o nelle Urine Dolori alle ovaie prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

Chiamatela come volete. Defaillance, flop o figura di merda. Fatto sta che quando un rapporto sessuale non si consuma per cause indipendenti dalla volontà dei due attori principali non è mai un bel momento. Pochi la prendono con filosofia, quasi tutti sui denti. Esistono però rari casi in cui un maschio non deve colpevolizzarsi per la sua defaillance. Sono le occasioni in cui lei si lascia scappare una frase talmente infelice da riuscire a rovinare tutta l’atmosfera.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso