Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

15 utente(i) online
(1 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Calendario 2010 - Contadini -
Belen Rodriguez -
Encierro a San Sebastian, la furia dei tori -
Maserati Quattroporte, l'auto del rilancio globale
 La Bella d'Italia all' HOTEL SAMMARTINO il 17.03.2013 - Agnone - IS -
Quando le candele sono spente tutte le donne sono belle
Foto storiche
Festa degli accasati, quelli che hanno casa e famiglia - Agnone - IS
Debora Caprioglio hard e hot
Molte donne non sanno cosa vogliono ma sanno benissimo come ottenerlo
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > RUBRICA MEDICA > Infezioni Vaginali Contagio e prevenzione
Infezioni Vaginali Contagio e prevenzione
Articolo di Dott. Giuseppe Arno pubblicato il 8/4/2014 (4080 Letture)
Premessa - Similmente alle infezioni del glande, le infezioni vaginali - di natura batterica, fungina o virale - coinvolgono i genitali femminili, arrecando un danno più o meno significativo. Nella maggior parte dei casi, i patogeni non infettano esclusivamente la vagina: infatti, l'infezione tende spesso a diffondere nelle aree attigue, specie in caso di ritardo diagnostico e mancanza di cure specifiche.

Infezioni Vaginali


Contagio e prevenzione



Trattandosi d'infezione, le probabilità di contagio sono elevatissime in caso di contatto sessuale non protetto: la maggior parte dei processi infettivi a carico dei genitali diffonde da soggetto a soggetto attraverso il semplice rapporto sessuale. La miglior prevenzione è il rispetto delle regole comportamentali ed igieniche, comprese quelle in ambito sessuale: a tale scopo, si raccomanda la scrupolosa igiene personale e intima, insieme all'utilizzo di metodi contraccettivi barriera (es. preservativo), soprattutto con partner poco conosciuti o a rischio d'infezioni.

In caso di accertata infezione vaginale, a titolo preventivo, si raccomanda di sottoporre anche il partner (per chi segue una vita sessualmente attiva) alla terapia specifica, al fine di evitare, quanto possibile, l'effetto rimbalzo, anche in assenza di sintomi.


Infezioni vaginali ricorrenti



Le infezioni vaginali più ricorrenti sono: candidosi, clamidia, herpes genitale e gonorrea.



Vaginite e vaginosi sono due termini generali che includono infezioni ed infiammazioni a carico della vagina, sostenute da più patogeni, quali Candida albicans, Gardnerella vaginalis, Mycoplasma hominis e Trichomonas vaginalis. Ma vediamo più in dettaglio i segni e i sintomi caratteristici delle infezioni vaginali sostenute da questi microorganismi.


Candida albicans



La Candida albicans è un micete che, in alcune donne, vive in simbiosi con la flora batterica intestinale, senza dunque arrecare danno alcuno; in condizioni ad essa favorevoli, la Candida prolifera indiscriminatamente, arrecando un danno più o meno importante (trasformazione da microorganismo commensale ad opportunista). Infezione vaginale da Candida albicansTipiche, dunque, sono le infezioni vaginali provocate da questo fungo: la trasmissione, oltre che per contatto sessuale, può avvenire tramite l'utilizzo promiscuo di biancheria infetta, o per via materno fetale. Alcune malattie, come l'ipotiroidismo, l'iposurrenalismo, la neutropenia grave, la leucemia ed i tumori, possono esporre la donna ad un maggior rischio di contrarre infezioni vaginali di ogni tipo, compresa la Candida.

SINTOMI: nella donna, l'infezione vaginale da Candida genera bruciore circoscritto, dispareunia, dolore durante la minzione, eritema localizzato, ipersensibilità, perdite vaginali biancastre simili a ricotta, prurito intenso ed inarrestabile.

TERAPIE: la terapia per il trattamento delle infezioni vaginali da candida si basa sulla somministrazione orale di antifungini, associati ad una cura locale specifica (applicazione di creme, pomate, ovuli specifici) e ad un'integrazione di fermenti lattici per il ripristino della flora batterica intestinale. Nonostante, di primo acchito, la terapia per la cura delle infezioni da candida possa sembrare piuttosto semplice, in realtà non sempre risulta così: infatti, la Candida tende a recidivare, manifestando ferocemente i propri sintomi. Per questo motivo, la prevenzione, specie dopo aver contratto l'infezione per la prima volta, risulta indispensabile per minimizzare il rischio di ricadute. Per approfondimenti: leggi l'articolo sui farmaci per la cura della candidosi vaginale.


Gardnerella vaginalis



La Gardnerella vaginalis, proprio come la candida, è un simbionte della flora batterica intestinale umana che, in condizioni ad essa favorevoli, crea danno replicandosi indiscriminatamente. Infezione vaginale da Gardnerella vaginalisIl suddetto batterio è uno degli agenti eziologici protagonisti d'infezioni batteriche come vaginiti e vaginosi, la cui colonizzazione è favorita da alcuni elementi, come l'abuso di antibiotici, la somministrazione di contraccettivi uterini, i lavaggi vaginali interni frequenti, la scarsa igiene intima e i rapporti sessuali completi (lo sperma lievemente alcalino altera il pH vaginale, che dovrebbe essere lievemente acido). Le infezioni da Gardnerella sembrano essere due volte più frequenti rispetto a quelle sostenute da Candida albicans.

SINTOMI: si stima che la metà delle infezioni vaginali sostenute da Gardnerella vaginalis decorra in modo completamente asintomatico; tant'è che molte donne affette non si rendono conto dell'infezione. Nell'altra metà delle pazienti, l'infezione si manifesta con una marcata alterazione del pH vaginale, bruciore ed irritazione vulvare, perdite vaginali biancastre ed anomale, spesso maleodoranti.

TERAPIA: trattandosi di un batterio, le infezioni vaginali scatenate da Gardnerella vanno curate con un ciclo antibiotico, durante il quale il rispetto delle dosi e della durata del trattamento risulta indispensabile per evitare complicanze, quali malattia infiammatoria pelvica, vaginosi batteriche e sterilità (nei casi più gravi). Per approfondimenti: leggi l'articolo sui farmaci per la cura della Gardnerella.


Mycoplasma hominis



Altra infezione d'interesse ginecologico piuttosto comune nelle donne in età fertile è quella causata da Mycoplasma hominis: i micoplasmi non sempre presentano un'azione patogena, dal momento che alcune specie popolano le mucose genitali femminili. Infezioni vaginali sostenute da Mycoplasma hominisTuttavia, quando l'equilibrio della flora batterica intestinale viene alterato, il Mycoplasma hominis può trasformarsi da commensale ad opportunista e creare un danno in modo più o meno feroce. In alcuni casi, l'infezione vaginale scatenata da questo microorganismo può degenerare fino alla malattia infiammatoria pelvica. Il batterio viene trasmesso, principalmente, per contatto sessuale; la madre affetta può trasmettere l'infezione anche al figlio al momento del parto. Si osserva che il rischio di contrarre questa infezione vaginale aumenta in caso di rapporto sessuale non protetto con uomini affetti da uretrite non gonococcica.

SINTOMI: le infezioni vaginali sostenute da Mycoplasma hominis provocano prurito intimo, bruciore e secrezioni vaginali anomale. Considerati i sintomi piuttosto comuni alla maggior parte delle infezioni genitali, è importante la diagnosi differenziale, per distinguere l'infezione da Mycoplasma hominis da gonorrea, clamidia, sifilide, ecc..

TERAPIA: il batterio viene debellato con una terapia antibiotica specifica, in particolare con azitromicina e doxiciclina, potenti farmaci in grado di interferire con la sintesi proteica del batterio.


Trichomonas vaginalis



Altra infezione vaginale trasmessa sessualmente è la tricomoniasi: come il termine preannuncia, la malattia è causata da un protozoo flagellato noto come Trichomonas vaginalis, implicato nelle malattie veneree più diffuse al mondo. Infezioni vaginali da Trichomonas vaginalisLa trasmissione dell'infezione è possibile anche, semplicemente, utilizzando asciugamani e biancheria infetta o per via materno fetale.

Il parassita, attecchendo alle mucose delle pareti vaginali, altera la flora batterica locale, competendo con i lattobacilli normalmente presenti, la cui funzione è quella di difendere la vagina da eventuali insulti patogeni.

SINTOMI: l'infezione vaginale scatenata da Trichomonas vaginalis non sempre si manifesta con sintomi importati. Quando l'attacco risulta particolarmente feroce, il pH vaginale aumenta fino ad un valore lievemente alcalino (quando, invece, dovrebbe essere leggermente acido), e provoca sintomi come bruciore e prurito vulvare, cervicite, dispareunia, dolore durante la minzione e perdite vaginali anomale (giallastre o verdognole, maleodoranti, schiumose).

TERAPIA: i farmaci più utilizzati in terapia per la cura della tricomoniasi sono gli imadazoli, come metronidazolo e tinidazolo. Anche il partner sessuale dovrebbe sottoporsi alla medesima cura, anche in caso di assenza di sintomi (come, del resto, spesso accade). Si raccomanda, inoltre, la completa astensione sessuale fino al completo allontanamento dei sintomi. Per approfondimenti: leggi l'articolo sui farmaci per la cura della tricomoniasi.


Herpes simplex



Anche i virus possono provocare infezioni a livello vaginale: è il caso dell'Herpes simplex (HVS-1 e HVS-2), lo stesso patogeno responsabile del comune Herpes labiale. Infezioni vaginali da Herpes simplexL'herpes simplex genitale - o più semplicemente Herpes genitale - è responsabile di lesioni papulose sulle delicate zone intime, fastidiose, dolorose o purulente. Il patogeno trasmette l'infezione per semplice contatto sessuale non protetto con soggetti contagiati; il rischio di contrarre l'infezione aumenta in caso di calo delle difese immunitarie, stress, alterazioni dell'equilibrio ormonale e compromissione del sistema immunitario.

SINTOMI: la sintomatologia che accompagna l'infezione vaginale da Herpes simplex è spesso associata alla formazione di vesciche biancastre direttamente sui genitali, sia sulla pelle che sulle mucose. L'infezione può estendersi oltre la vagina ed intaccare anche la cervice uterina e l'uretra.

FARMACI: seppur non esista una cura definitiva volta ad eradicare permanentemente il virus dell'Herpes simplex, in commercio esistono numerose sostanze farmacologiche in grado di ridurre il rischio di recidive e minimizzare i sintomi. I farmaci più adatti a tale scopo sono gli antivirali, da assumere per via sistemica o da applicare direttamente in situ; anche il partner sessuale dovrebbe seguire una strategia terapica simile, per evitare di diffondere il virus nuovamente. L'intervento immediato è indispensabile per accorciare i tempi di guarigione e recupero dall'infezione vaginale.







Potrebbe interessarti:http://www.my-personaltrainer.it/benessere/infezioni-vaginali.html


 

Naviga negli articoli
Precedente articolo Qual è il collegamento tra la prostata e l’erezione TUMORE ALLE OSSA - SINTOMI E CURA prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

gifstellareLo scompenso cardiaco è un quadro anomalo (patologico) nel quale, il cuore non è in grado di fornire a tutti i tessuti del proprio organismo quella quantità di sangue (e quindi di ossigeno) necessaria per un normale svolgimento delle loro attività. Si tratta di una patologia molto frequente, che coinvolge piuttosto il sesso maschile. Nella popolazione europea, su ogni 100 soggetti ne soffrono circa 2 – 3. Nella popolazione anziana, la prevalenza è ancora più alta potendo arrivare fino a 7% e nei prossimi 20 anni è previsto un incremento del 50% della sua prevalenza. La malattia è più frequentemente riscontrabile nel sesso maschile.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

COITO INTERROTTO - Pene e Vag...
(Wed, 09-Dec-2009)
COITO INTERROTTO - Pene e Vag...
Intervista a Paolo Borsellino...
(Mon, 25-Aug-2008)
Intervista a Paolo Borsellino...
Piero Mozzi - Alimentazione e...
(Mon, 17-Dec-2018)
Piero Mozzi - Alimentazione e...
Indovina chi è il fidanzato
(Sat, 03-May-2014)
Indovina chi è il fidanzato
Louis Armstrong - What a Wond...
(Thu, 19-May-2016)
Louis Armstrong - What a Wond...
Rita Hayworth Sway Dancing
(Tue, 14-Mar-2017)
Rita Hayworth Sway Dancing
Paperissima in chiesa
(Sun, 15-Feb-2009)
Paperissima in chiesa
Incidenti stradali - crash - ...
(Fri, 19-Sep-2008)
Incidenti stradali - crash - ...
Enya ci dona "Astro del Ciel"...
(Sat, 06-Dec-2008)
Enya ci dona
Olanda, nudi in 2000
(Sat, 06-Jun-2009)
Olanda, nudi in 2000