Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

12 utente(i) online
(2 utente(i) in Rubriche)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Calendario 2011 - Victoria Moore -
Miss Italia in bianco-nero e poi colore -
Bus d'altri tempi a Roma
Tutti al mare, per dimenticare l'afa che attanaglia le città italiane
Stuprarono due prostitute romene, tre poliziotti condannati a 6 anni
Roma: Il pompino in diretta in pieno giorno e in pieno centro
Miss Bumbum 2014, la sfida per il miglior lato B del Brasile
Spacchi estremi e trasparenze: quando la star si mette a nudo
La vita è l'arte di trarre conclusioni sufficienti da premesse insufficienti
Perdona sempre i tuoi nemici. Nulla li fa arrabbiare di più
SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > MISTERI NASCOSTI > IL SENSO CRISTIANO-BORGHESE DELLA MORTE
IL SENSO CRISTIANO-BORGHESE DELLA MORTE
Articolo di Giuseppe Vivo pubblicato il 15/4/2011 (1107 Letture)
gif333Quando Manzoni era ateo vedeva la morte come forma di liberazione da un dolore insopportabile, da una sofferenza senza via d'uscita. E ci scrisse sopra l'Adelchi. Era un modo rassegnato di vivere la vita, che aveva però il vantaggio di non creare illusioni. Vi era una certa dignità, un certo stoicismo. Poi divenne credente e, scrivendo i Promessi sposi, disse che le contraddizioni vanno affrontate confidando nella divina Provvidenza, che può anche servirsi della morte per liberarsi del don Rodrigo di turno e far trionfare il bene.


 Ma da dove viene ai cristiani questo modo mistico di considerare la morte? Viene dalla tomba vuota del Cristo.  



Fiducia contro rassegnazione, provvidenza contro disperazione. Dove sta il trucco? Sta appunto nel far credere che dal paganesimo al cristianesimo vi sia stato un progresso di etica e di cultura, quando invece l'unico progresso era stato nell'illusione di credere possibile l'esistenza di un'entità separata dall'uomo, onnipotente e infinitamente buona, in grado di risolvere tutti i problemi dell'umanità.



E su questa strada si andò avanti per secoli e secoli, finché nel Mille (guarda caso nell’Italia cattolica) nacque una nuova figura sociale, il borghese, che, pur fingendo di credere ancora in quella illusione, pensò bene di mettere in pratica un principio diciamo più mondano, quello secondo cui la felicità è data dal denaro.



Il borghese cominciò a pensare che meglio dell'aldilà era l'aldiquà, a condizione ovviamente che la religione non ponesse ostacoli insormontabili allo sfruttamento delle risorse umane e materiali. E così fu. Seppure obtorto collo, le due confessioni, prima cattolico-romana, poi, e soprattutto, protestante vennero incontro alle esigenze della nuova figura sociale.



Ci vollero altri secoli prima che qualcuno dicesse che questa forma di materialismo era rozza e volgare e che per arrivare a quella scientifica bisognava risolvere il problema dello sfruttamento, dopodiché non solo si sarebbe eliminata l'idea di provvidenza, ma si sarebbe anche considerata la morte come un falso problema.



Col socialismo la morte torna ad essere vista come nella preistoria, una sorta di mera trasformazione della materia, nell'ambito di un universo infinito nello spazio e illimitato nel tempo. Un universo mai nato e mai destinato a morire.



Intanto però dobbiamo ancora combattere non solo col primato assoluto del denaro, imposto drammadalla borghesia, ma anche con l'idea cristiana che sponsorizza, anche a costo d’invocare il martirio, un tipo di felicità unicamente ultraterrena.



Ma da dove viene ai cristiani questo modo mistico di considerare la morte? Viene dalla tomba vuota del Cristo. Invece di fare autocritica per non aver saputo impedire la crocifissione del loro leader e, soprattutto (perché questo fu ancora più grave), per non essere stati capaci di continuare il vangelo di liberazione nazionale (dall'oppressione romana e dal collaborazionismo interno), gli apostoli pensarono che la morte del Cristo era stata "necessaria", voluta da dio-padre per riconciliarsi con gli uomini schiavi del peccato originale, impotenti a realizzare il bene.



La morte come riscatto morale, dal dolore, dall'insignificanza della vita, dalle sconfitte quotidiane, dall'incapacità d'essere se stessi: ecco con quale follia il cristiano vive la sua esistenza, ecco da dove proviene il risentimento nei confronti di chi gli dimostra che è solo un pavido.



E' stata una fortuna per lui che il borghese abbia sostituito al dio uno e trino il dio quattrino. Grazie al borghese infatti il cristiano non urla più come san Paolo: “Faccio non quello che voglio ma quello che non voglio: chi mi libererà da questo corpo di morte?”.



Ora sa quello che vede fare.



 


Naviga negli articoli
Precedente articolo La morte e il senso della vita - La morte cercata volontariamente da un suicida mette a nudo il problema stesso del senso della vita Oggi è relativamente facile definire il suicidio altruistico come il tentativo di accettare passivamente la violenza su di sé prossimo articolo

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

TESTIMONIANZE: INCESTO FRA FRATELLO E SORELLA ? Mamma disperata Età: 41 Salve. Sono divorziata, ho 2 figli. Maschio di 12,5 anni e femmina di quasi 11. Una domenica tagliando i capelli a mio figlio, lui in vasca, all'improvviso ho visto che lui si masturbava in mia presenza. A quel punto l'ho rimproverato, dicendogli che questo non si fa ne in mia presenza, ne della sorella e ne di qualunque altra persona. In quell'istante, non so come, mi si e' accesa una lampadina. Sono andata da mia figlia, chiedendole se per caso tra lei e il fratello era mai successo qualche cosa. Lei all'inizio negava. Poi le ho detto che la porto dal dottore, che avrebbe saputo dirmi se si. Cosi mi ha confessato che da anni, quando in casa ci sono visite, o vado un attimo dai miei genitori, o se dormo, che loro si baciano, si toccano le parti intime e che c'e' stato una prova dipenetrazione. Tutti e due consenzienti. Sono rimasta e sono tutt'ora scioccata. La mia famiglia la vedo distrutta.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

L'arbitro [Film completo ITA]
(Sun, 09-Oct-2011)
L'arbitro [Film completo ITA]
Faccetta Nera (Carlo Buti)
(Mon, 16-Nov-2009)
Faccetta Nera (Carlo Buti)
Naked and Funny - Ultimate Pr...
(Sun, 01-Dec-2013)
Naked and Funny - Ultimate Pr...
Dio come ti amo
(Sun, 16-Jun-2013)
Dio come ti amo
Chinese little boy dancing li...
(Sun, 20-May-2012)
Chinese little boy dancing li...
Immagini divertenti di bambin...
(Thu, 07-Jan-2010)
Immagini divertenti di bambin...
African Soul Compilation - Wo...
(Mon, 15-Feb-2016)
African Soul Compilation - Wo...
Vasco Rossi - E...
(Mon, 07-Jul-2008)
Vasco Rossi - E...
Moarte in direct la tv
(Sat, 16-May-2009)
Moarte in direct la tv
Totò - Gli onorevoli Comizio ...
(Wed, 12-Oct-2011)
Totò - Gli onorevoli Comizio ...