Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

15 utente(i) online
(1 utente(i) in News)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Mondiali Shangai, la squadra russa di nuoto sincronizzato -
Per l'affitto casa la signora la fa vedere a tutti
Sanremo, col Festival arriva la Finanza. Ivana ko, sul palco Belen e la Canalis
Immortalati in un vicolo di Isernia un momento che avrebbe dovuto essere intimo e che invece...
Una bella donna piace agli occhi, una buona piace al cuore
Non si nasce donne: si diventa
La paura può farti prigioniero. La speranza può renderti libero
Ci può essere sesso senza amore, ma non amore senza sesso
L'invidia è il sentimento dei falliti
Tempi d'oro
Salute e Benessere : Dieta per Ipertrigliceridemia - Eccesso di trigliceridi nel sangue
Inviato da Dott.Vincenzo Di Costanzo il 7/5/2018 9:50:00 (402 letture)

I trigliceridi sono una forma di grasso presente nel sangue, derivano in parte dal cibo e in parte sono formati all'interno dell'organismo dove svolgono funzione di riserva energetica. Concentrazioni elevate (ipertrigliceridemia) rappresentano un importante fattore di rischio per malattie del cuore, del fegato e del pancreas. Abbassare i trigliceridi del sangue quando sono alti: Recentemente l’accento è posto soprattutto sui cibi ricchi di acidi grassi Omega-3, come il grasso dei pesci. Il medico potrebbe suggerire, perciò, un supplemento di olio di pesce. Per aumentare l’apporto di Omega-3 si dovrebbero fare due o più pranzi di pesce alla settimana, in particolare sgombro, salmone, sardine, tonno, o includere nella dieta forme di Omega-3 di derivazione vegetale, come cibi alla soia, semi di lino e noci.



I trigliceridi sono una forma di grasso presente nel sangue, derivano in parte dal cibo e in parte sono formati all'interno dell'organismo dove svolgono funzione di riserva energetica. Concentrazioni elevate (ipertrigliceridemia) rappresentano un importante fattore di rischio per malattie del cuore, del fegato e del pancreas. L'aumento dei trigliceridi nel sangue è legato (salvo forme di dislipidemia familiare su base genetica) all’introduzione di calorie in eccesso, particolarmente se associate alla introduzione di forti quantità di zuccheri semplicie alla assunzione di alcool, tutti nutrienti che vengono convertiti dall'organismo in trigliceridi. Anche la qualità dei grassi introdotta con l'alimentazione è importante, dal momento che i grassi saturi aumentano i valori di trigliceridi mentre i grassi monoinsaturi e polinsaturi hanno l'effetto opposto. 
L'ipertrigliceridemia può anche associarsi ad aumento dei valori di pressione arteriosa, a elevazione dei valori di glicemia a digiuno (intolleranza glucidica oppure diabete di tipo 2), a steatosi epatica (fegato grasso) o ad aumento dei valori del colesterolo LDL (o “cattivo”). L'insieme di queste condizioni, che aumenta ulteriormente il rischio di andare incontro nel corso della vita a malattie cardiovascolari, è più frequente in chi ha un accumulo di adipe a livello addominale, ossia un “girovita” più abbondante. Motivo per cui l’ipertrigliceridemia rappresenta un marker della sindrome metabolica, condizione caratterizzata dalla presenza contemporanea di diversi squilibri metabolici, ognuno dei quali è già da solo un indice di rischio cardiovascolare.

Anche altre situazioni possono associarsi ad ipertrigliceridemia come l’ipotiroidismo, malattie renali croniche, epatopatie e l’assunzione di alcuni farmaci. È sempre bene rivolgersi al proprio medico curante in caso di ipertrigliceridemia per effettuare eventuali ulteriori accertamenti.  

I cardini della terapia nutrizionale sono rappresentati dalla normalizzazione del peso corporeo e della circonferenza addominale, da un’alimentazione con un basso apporto di zuccheri semplici e grassi saturi e dall’eliminazione di alcool. Nelle forme più responsive l’approccio nutrizionale può rappresentare l'unica terapia. 

RACCOMANDAZIONI DIETETICHE GENERALI



  • Scegliere cibi ad elevato contenuto di fibre e basso tenore in zuccheri semplici.

  • Scegliere cibi con un basso contenuto di grassi saturi e privilegiare quelli con maggiore tenore di grassi monoinsaturi e polinsaturi.

  • Cucinare senza grassi aggiunti. Preferire metodi di cottura come: vapore, microonde, griglia o piastra, pentola a pressione, piuttosto che la frittura, la cottura in padella o i bolliti di carne.

  • Su indicazione del Medico o con il suo assenso, è possibile assumere integratori a base di omega 3 disponibili in commercio per favorire la riduzione dei trigliceridi (effetto ipotrigliceridemizzante).



I tre capitoli che seguono indicano gli alimenti non consentiti, consentiti con moderazione, consentiti e consigliati in caso della patologia indicata. Nel seguire le indicazioni si deve però tenere conto che, per ottenere una corretta ed equilibrata alimentazione che fornisca all’organismo tutti i nutrienti di cui necessita, occorre assumere la giusta quantità (porzione) dell’alimento e rispettare le frequenze con le quali alcuni alimenti debbono essere consumati, giornalmente o settimanalmente, all’interno di uno schema alimentare personalizzato. L’alimentazione della giornata deve rispettare il bilancio energetico di ciascuno e l’energia introdotta deve essere uguale a quella spesa per non aumentare il rischio di sovrappeso, obesità ma anche di malnutrizione.

ALIMENTI NON CONSENTITI



  • Superalcolici: liquori, grappe, cocktail con alcool

  • Alcolici, compresi vino e birra

  • Bevande zuccherine come cola, acqua tonica, tè freddo, ma anche succhi di frutta, perché contengono naturalmente zuccheri semplici anche se riportano la dicitura “senza zuccheri aggiunti”.

  • Cibi da fast-food

  • Zucchero bianco e zucchero di canna per dolcificare le bevande, sostituendolo eventualmente con il dolcificante.

  • Marmellata e miele.

  • Dolci quali torte, pasticcini, biscotti, frollini, gelatine, budini, caramelle.

  • Frutta sciroppata, candita, mostarda di frutta.

  • Prodotti da forno contenenti la dizione “grassi vegetali” (se non altrimenti specificato generalmente contengono oli vegetali saturi: palma, cocco)

  • Grassi animali: burro, lardo, strutto, panna.

  • Frattaglie: fegato, cervello, reni, rognone, cuore.

  • Insaccati ad elevato tenore in grassi saturi, salame, salsiccia, mortadella, ecc. oltre alle parti grasse delle carni.

  • Latte intero o condensato, yogurt intero, formaggi ad elevato tenore in grassi saturi e colesterolo.

  • Maionese e altre salse elaborate



ALIMENTI CONSENTITI CON MODERAZIONE



  • Dolcificante

  • Olii vegetali polinsaturi o monoinsaturi come l'olio extravergine d'oliva, l'olio di riso o gli oli monoseme: soia, girasole, mais, arachidi (per il loro potere calorico controllare il consumo dosandoli con il cucchiaio)

  • La frutta poiché contiene naturalmente zucchero (fruttosio). È importante rispettare le quantità indicate nella dieta e limitare al consumo occasionale i frutti più zuccherini (uva, banane, fichi, cachi, mandarini). Anche frutta secca ed essiccata vanno consumate in maniera limitata e in porzioni minori rispetto agli altri tipi di frutta

  • Sale. E’ buona regola ridurre quello aggiunto alle pietanze durante e dopo la cottura e limitare il consumo di alimenti che naturalmente ne contengono elevate quantità (alimenti in scatola o salamoia, dadi ed estratti di carne, salse tipo soia).

  • Le patate non sono una verdura ma importanti fonti di amido quindi è un vero e proprio sostituto di pane, pasta e riso. Possono essere perciò consumate occasionalmente in sostituzione al primo piatto.



ALIMENTI CONSENTITI E CONSIGLIATI



  • Pesce di tutti i tipi almeno tre volte alla settimana. Privilegiare quello azzurro (aringa, sardina, sgombro, alice…) e salmone per il loro contenuto di omega 3.

  • Verdure, crude e cotte, da assumere in porzioni abbondanti. La varietà nella scelta permette di introdurre correttamente i Sali minerali, le vitamine e gli antiossidanti necessari per l’organismo.

  • Pane, pasta, riso, avena, orzo, farro (privilegiando quelli integrali).

  • Latte e yogurt scremati o parzialmente scremati.

  • Carne sia rossa che bianca (proveniente da tagli magri e che sia privata del grasso visibile). Pollame senza pelle.

  • Affettati quali prosciutto cotto, crudo, speck, bresaola, affettato di tacchino/pollo purché sgrassati e non più di 1 o 2 volte alla settimana.

  • Formaggi freschi a basso contenuto di grassi, oppure formaggi stagionati prodotti con latte che durante la lavorazione è parzialmente decremato, come il Grana Padano DOP, e con un buon apporto di grassi insaturi.

  • Legumi da 2 a 4 volte alla settimana, come secondo piatto.

  • Acqua, tè, tisane senza zucchero



REGOLE COMPORTAMENTALI



  • In caso di sovrappeso eliminare i chili di troppo e normalizzare il “girovita” ossia la circonferenza addominale, indicatore della quantità di grasso depositata a livello viscerale, principalmente correlata al rischio cardiovascolare. Valori di circonferenza vita superiori a 94 cm nell'uomo e a 80 cm nella donna si associano a un "rischio moderato", valori superiori a 102 cm nell'uomo e a 88 cm nella donna sono associati a un "rischio elevato".

  • Rendere lo stile di vita più attivo (abbandona la sedentarietà! Vai al lavoro a piedi, in bicicletta o parcheggia lontano, se puoi evita l’uso dell’ascensore e fai le scale a piedi).

  • Praticare attività fisica almeno tre volte alla settimana. La scelta va sempre effettuata nell'ambito degli sport con caratteristiche aerobiche, moderata intensità e lunga durata, che sono più efficaci per eliminare il grasso in eccesso come: ciclismo, ginnastica aerobica, cammino a 4 km/ora, nuoto.

  • Non fumare: il fumo rappresenta un fattore di rischio cardiovascolare.

  • Controllare con l'aiuto del Medico altre eventuali patologie coesistenti (ad es. ipertensione arteriosa, diabete mellito).

  • Leggere le etichette dei prodotti, soprattutto per accertarsi del loro contenuto in zuccheri e grassi saturi. Prestare attenzione all’utilizzo di prodotti “senza zucchero” in quanto sono spesso ricchi di grassi e di conseguenza ipercalorici.

  • Anche se normopeso, monitorare il peso corporeo per prevenire aumenti di peso che possono essere la causa di ipertrigliceridemia.



CONSIGLI PRATICI

Per misurare correttamente la concentrazione di trigliceridi nel sangue, e vedere se si è modificato dopo una dieta adeguata o l’inizio di una terapia farmacologica, è necessario essere a digiuno, al momento del prelievo, da almeno 12 ore, ed aver consumato, la sera precedente, un pasto leggero.

Bere un bicchiere di latte o una bevanda zuccherata durante la notte, prima dell’esame potrebbe influenzare il risultato dell’esame.




Negli adulti sono questi i possibili livelli registrati:


Normale: sotto i 150 mg/dl


Alquanto elevato: 151– 200 mg/dl


elevato: 201 – 499 mg/dl


Molto elevato: 500 mg/dl o più.
 



 



 



 




Altre news
23/5/2018 9:20:00 - L’AGLIO, UN ANTIBIOTICO NATURALE IN CUCINA
23/5/2018 9:10:00 - LE LEGGI FONDAMENTALI DELLA STUPIDITA’ UMANA
23/5/2018 9:00:00 - Glicemia: così la mandi via
23/5/2018 8:50:00 - IN BREVE: Aids: in Italia un contagio ogni tre ore - Tumori: polmone, tra donne +2% anno - Cervello: corrente ripara danni da ictus
23/5/2018 8:50:00 - Come ci si deve comportare con fibre e sali minerali?
23/5/2018 8:40:00 - Ridere protegge cuore come sport e farmaci - Ma risata sia piena e almeno per 15 minuti al giorno
23/5/2018 8:40:00 - DIETA PER DIABETICI » COME SI PUÒ CURARE IL DIABETE?
23/5/2018 8:30:00 - Amore - Disturbi e patologie amorose - L'amore è un sentimento intenso e profondo di affetto
23/5/2018 8:30:00 - Disturbo post-traumatico da stress
23/5/2018 8:30:00 - Succo di barbabietola: berne un bicchiere al giorno abbassa la pressione
23/5/2018 8:20:00 - COMPOSTO ESCOLZIA: Passiflora, escolzia, melissa, luppolo, iperico, valeriana
23/5/2018 8:10:00 - PORRI E PEDUNCOLI SUL COLLO? ECCO IL METODO TUTTO NATURALE PER RIMUOVERLI DA SOLI
23/5/2018 8:00:00 - Eutanasia pro e contro - COSA SUCCEDE ALL’ESTERO - LA POSIZIONE CATTOLICA
23/5/2018 7:40:00 - Germi in palestra? Ecco come difendersi
23/5/2018 7:30:00 - Una taglia in meno, subito! O no? - L' intimo è giusto?
23/5/2018 7:30:00 - I misteri della libido femminile - Il sesso è meglio da giovani o da adulte?
23/5/2018 7:30:00 - Priscilla Salerno hard - Celebrità Hard
23/5/2018 7:20:00 - Francesca Cipriani - Calendario 2015
23/5/2018 7:10:00 - Piacere e appagamento, ecco le virtù della masturbazione femminile. Senso di colpa, vergogna? Scopri come fare l’amore la prima volta
23/5/2018 7:10:00 - Laetitia Casta hard
23/5/2018 7:00:00 - Debora Caprioglio foto e video
21/5/2018 9:40:00 - DIETA PER DIABETICI » L’ATTIVITÀ SPORTIVA PER LA PREVENZIONE
21/5/2018 9:30:00 - DIETA PER DIABETICI » LE PROTEINE E IL DIABETE: IN CHE RAPPORTO?
21/5/2018 9:20:00 - DIETA PER DIABETICI » LA ANNOSA QUESTIONE DELLE BANANE
21/5/2018 9:10:00 - La fragola ok per i diabetici



Segnala questa news

                   

Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

In molti criticano questo testo: troppo retorico, si dice, pomposo, parole arcaiche, dell'Ottocento... Be', che le parole siano molto "Ottocentesche" non c'è dubbio, ma che altro poteva fare uno che scriveva nel 1847? E comunque guardate i testi degli altri inni nazionali e vedrete che come retorica non scherzano nemmeno loro. E poi retorico... Sarebbe retorico quel "Siam pronti alla morte"? Be', però se pensate che il testo è stato scritto da uno che poi è morto a 22 anni combattendo per le sue idee, mi pare che non sia così retorico

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso

Resta cu mè...
(Fri, 19-Jul-2013)
Resta cu mè...
RISSE IN TV, CLASSIFICA DELLE...
(Fri, 22-Apr-2011)
RISSE IN TV, CLASSIFICA DELLE...
Rapine Riprese Finite Male
(Sun, 25-Mar-2018)
Rapine Riprese Finite Male
Pussycat - Mississippi 1991
(Tue, 26-Jul-2011)
Pussycat - Mississippi 1991
Empoli - Catania 2-0 del 24/0...
(Thu, 03-Jul-2008)
Empoli - Catania 2-0 del 24/0...
Beppe Grillo - Intervento all...
(Fri, 25-Jul-2008)
Beppe Grillo - Intervento all...
Un'altra Donna - I cugini di ...
(Thu, 06-Oct-2016)
Un'altra Donna - I cugini di ...
Mirco imita Cristina D'avena ...
(Sun, 13-Jul-2008)
Mirco imita Cristina D'avena ...
Il prof. dott. Guido Tersilli...
(Sun, 09-Oct-2011)
Il prof. dott. Guido Tersilli...
Caballos
(Thu, 11-Dec-2008)
Caballos