Menu principale

Categorie news

Contatore visite OGGI

Utenti online

24 utente(i) online
(17 utente(i) in Galleria foto)

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto recenti

Meteo in Italia

La situazione:
Scegli la Provincia

Cerca nel Sito

Foto recenti

Foto a caso

Sotto un complesso cappello, Miss India World 2009 -
Il sesso: la posizione è ridicola, il piacere passeggero, la spesa eccessiva
La misura dell'amore è amare senza misura
IDIOTA: Persona di scarsa intelligenza, stupido, che non capisce una situazione
La miglior donna è una bugiarda... figuriamoci le altre...
Nicki Minaj: sedere nudo a Dublino
I leggings sbagliati troppo stretti ?
Le donne non sanno cosa vogliono ma sanno benissimo come ottenerlo
Vip senza mutande, quando sotto il vestito non c'è niente
Il più abile e perverso uomo al mondo non può raggiungere la perversione di una donna

Foto : CRONACA Ottenuti i primi vortici di luce. Chiave per accelerare la trasmissione dati e per super-microscopi

[<   Precedente  49  50  51  52  53  54  55  Immagine successiva   >]

Ottenuti i primi vortici di luce. Chiave per accelerare la trasmissione dati e per super-microscopi
Ottenuti i primi vortici di luce. Chiave per accelerare la trasmissione dati e per super-microscopi Popolare
Inviato daG.P.Altre foto da G.P.   Ultima modifica29/7/2016 15:00
Visite1196  Commenti0    
Sono stati ottenuti i primi vortici di luce su un chip di silicio a basso costo: un importante passo in avanti delle tecnologie per immagazzinare e trasportare informazioni con la luce. La tecnica, alla quale la rivista Science dedica la copertina, apre la strada alla possibilità di realizzazione  microscopi molto più potenti di quelli attuali, di velocizzare la trasmissione di dati e avvicina lo sviluppo dei futuri computer quantistici. La ricerca è stata condotta grazie alla collaborazione internazionale di tre centri ricerca coordinati dall'Università britannica di Bristol. Il chip in silicio realizzato dai ricercatori britannici permette di produrre fasci di luce a 'cavatappi', ossia raggi luminosi che anzichè viaggiare in modo lineare producono dei veri e propri vortici. Questo tipo di raggi trova oggi applicazioni nella fotonica, ad esempio come 'pinzette' in grado di manipolare oggetti micrometrici, e in via sperimentale nella trasmissione delle informazioni attraverso le fibre ottiche oppure wireless, come dimostrato recentemente da un esperimento realizzato in Italia da Fabrizio Tamburini, dell'Università di Padova. Normalmente la generazione di vortici di luce avviene attraverso laser, lenti oppure ologrammi, strumenti molto utilizzati nell'ambito di ricerca ma molto ingombranti per possibili applicazioni commerciali. A differenza dei metodi 'tradizionali' lo strumento realizzato dall'Università di Bristol un chip migliaia di volte più grave; piccolo e realizzato con le normali tecnologie di fabbricazione dei circuiti integrati. Come hanno spiegato gli stessi ricercatori, tali chip possono essere realizzati a basso costo e in grandi quantità aprendo la possibilità ad applicazioni completamente nuove, in particolare nella comunicazione e nella manipolazioni di particelle microscopiche.

[<   Precedente  49  50  51  52  53  54  55  Immagine successiva   >]



Rubriche

Chiamaci su Skype

Social Networks

Messaggi dal Guestbook

  • 20/11/2008  Sono Miriam di Milano  Sono Miriam di Milano vorrei dirvi ...
  • 7/9/2008  Luisa Casalnuovo (NA) - Italia -  Ho letto le vostre rubriche eccezionali e o visto le foto sui tifosi belle
  • 7/9/2008  Luisa Volla (NA) - Italia  Coplimenti un ottimo sito non è caotico ed è molto chiaro
  • 23/8/2008  Kya  X Angela
  • 16/8/2008  Jonny  Divertente
  • 15/8/2008  Sara - Napoli  Sotto Voce è molto interessante -
  • 13/8/2008  Sara  Salve leggo spesso con le mie amiche i vostri messaggi nella rubrica sotto voce
  • 13/8/2008  Celeste - Napoli -  Per Angela di Napoli
  • 13/8/2008  Popetta  Per Angela
  • 13/8/2008  Mary Bon  Ad Angela di Napoli


  • Visita

News più lette

Un articolo a caso

L'associazione di obesità ed artrosi, specie a livello di alcuni livelli articolari, risulta ben documentata; si è rilevato in particolare una relazione tra artrosi di ginocchio, "gonartrosi", ed obesità. Da sottolineare altresì l'associazione tra obesità ed artrosi delle mani e di altri distretti non particolarmente sottoposti a carico, indicante una ripercussione sul processo artrosigeno del metabolismo e della distribuzione dell'adipe nell'obesità. Uno stato di sovrappeso nel terzo decennio di vita può ritenersi predittivo nei confronti della artrosi di ginocchio che si manifesterà assai più tardi, dopo 20-30 anni.

News a caso

Articoli dalle Rubriche

Ultimi video inseriti

Video a caso